A- A+
Esteri
L'Italia cede alle richieste di Putin. Manager russo arrestato a Genova

Oleg Senkevich il manager russo che due giorni fa era atterratto all'areoporto di Genova e richiesto asilo politico in Italia, è stato arresto. Ora si trova in carcere a Marassi in isolamento. Secondo La Repubblica, le autorità russe appena saputo dell'accaduto hanno inoltrato nuovamente il mandato di arresto europeo, già emanato preventivamente nel 2016. L'uomo è accusato di truffa. Senkevich ha conoscenze sui soldi spesi sulle infrastrutture ferroviare delle olimipiadi di Sochi, vicenda che è molto importante per il numero uno della Russia Putin. Starà al giudice decidere se lasciarlo in carcere o consentire gli arresti domiciliari.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    italiagenovaputinoleg senkevichrussiamanager
    in evidenza
    E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

    Corporate - Il giornale delle imprese

    E-Distribuzione celebra Dante
    Il Paradiso sulle cabine elettriche

    i più visti
    in vetrina
    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


    casa, immobiliare
    motori
    Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

    Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.