A- A+
Esteri
La Cina per la ripresa si affida alla old economy e alla autarchia?

Mentre in Europa e in USA, i dati disastrosi  sul PIL dell'ultimo trimestre certificano la situazione preoccupante delle loro economie a causa della pandemia, lì dove tutto è iniziato cominciano invece a vedersi dei segnali di ripresa. La ripresa economica della Cina è, infatti, continuata ad un buon ritmo anche a luglio, anche se gli analisti hanno avvertito che la natura del rimbalzo rappresenta un passo indietro nel tempo, con l'economia ancora una volta dipendente dall'industria pesante, dai progetti infrastrutturali, dal debito, dagli investimenti e dalle esportazioni di fascia bassa. Insomma come dire che la tanto bistrattata old economy pare nuovamente tornata alla ribalta nel paese del vecchio dragone.
Il sentimento si riflette nell'indice dei gestori degli acquisti ufficiali (PMI) di luglio, pubblicato venerdì  dal National Bureau of Statistics, che ha indicato un quinto mese consecutivo di crescita nel settore manifatturiero, dei servizi e delle costruzioni.
Il rimbalzo è stato alimentato da un rilancio degli ordini all'esportazione, nonché da progetti di costruzione, con altri indicatori che suggeriscono anche che la Cina è tornata al suo vecchio playbook di costruzione ed esportazione per uscire dalla crisi.  Gli investimenti finanziati dallo Stato in Cina sono al massimo di 10 anni.
Il fatto che le cifre cinesi arrivano quando le economie degli Stati Uniti e dell'Europa sono colpite da gravi recessioni, riflette non solo il fatto che la Cina è stata la prima colpita  e la prima a uscire dalla pandemia ma raccontano anche una particolarità tutta cinese.
L'economia dell'Eurozona - circa l'85% del prodotto interno lordo (PIL) dell'Unione europea - si è ridotta di circa il 15% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, mentre il PIL degli Stati Uniti si è contratto con un tasso annuo record del. - 32,9 per cento, essenzialmente spazzando via cinque anni di crescita economica americana, anche se i casi di coronavirus continuano ad accumularsi e con essi i decessi ed il serio rischio che si possa presto ad arrivare a nuove chiusure.
Queste cifre sono peggiori della contrazione ufficiale del 6,8 per cento della Cina nel primo trimestre.  Sebbene non sia direttamente comparabile, poiché i dati cinesi confrontano il primo trimestre di quest'anno con lo stesso periodo di un anno prima, e il numero degli Stati Uniti è un'annualizzazione della variazione nel secondo trimestre rispetto al primo, la contrazione degli Stati Uniti è sicuramente maggiore rispetto a quella cinese Questo sicuramente è dovuto anche al modello di governance autoritaria della Cina che le consente di stimolare o bloccare qualsiasi area dell'economia a secondo della necessità, a differenza delle economie occidentali.
"Per me non è una sorpresa: la Cina rispetto ad altri paesi ha più leve per aumentare il PIL aumentando gli investimenti o facendo scorta di inventari di carbone o minerale di ferro o altri materiali a monte.  Possono continuare a farlo per un anno ", ha detto due giorni fa, Heiwai Tang, professore di economia all'Università di Hong Kong.
Fondamentalmente stanno tornando al modello di crescita guidato dagli investimenti, e questa potrebbe essere la cosa giusta da fare per ora, dato che l'ambiente esterno è così debole e la tensione geopolitica è aumentata. ”
Proprio per queste tensioni probabilmente la Cina tenterà di fare affidamento in gran parte sul proprio mercato interno, anche se molti economisti e analisti dubitano che Pechino abbia la capacità di condurre le profonde riforme strutturali necessarie per raggiungere l'obiettivo.
"C'è una chiara tendenza della Cina a guardarsi dentro", ha dichiarato Bo Zhuang, capo analista cinese di TS Lombard.  “Vorrei fare un ulteriore passo per definirlo un inizio di autoisolamento.  Ma è difficile sapere se si tratta di una posizione temporanea di distensione prima delle elezioni presidenziali americane a novembre o se si tratta effettivamente di una politica a lungo termine ".
Anche le esportazioni di fascia bassa hanno alimentato la crescita in assenza di concorrenza, con gli esportatori rivali che soffrono degli effetti della pandemia.  Ma questa scossa potrebbe svanire, avvertono gli analisti.
 "La pandemia è peggiorata di nuovo in molte parti del mondo, compresi gli Stati Uniti, determinando una ripresa più lenta del previsto", ha dichiarato Lu Ting, capo economista cinese presso la società di investimenti Nomura.
Le tensioni tra Stati Uniti e Cina potrebbero colpire le esportazioni cinesi e i relativi investimenti manifatturieri. " ha continuato l'economista di Nomura
Nel frattempo, i governi locali hanno accumulato debito a buon mercato, evidenziato dall'accumulo di 40 miliardi di yuan (US $ 5,7 miliardi) di debito nella contea di Dushan, circa 40 volte le sue entrate fiscali annuali.
"La ripresa della Cina appare forte in superficie ma è sbilanciata e dipende dalla spesa per gli stimoli. I consumatori cinesi devono ricominciare a spendere se questa ripresa vuole raggiungere un decollo autonomo entro la fine dell'anno ", ha affermato Shaun Roache, capo economista dell'area Asia-Pacifico di S&P Global.
 "Con la domanda nei maggiori partner commerciali della Cina in deciso calo, l'importanza dei consumatori cinesi come motore della crescita è diventata ancora più importante". Insomma anche la Cina sembra in in questo momento voler puntare su una sorta di nuova autarchia.

Loading...
Commenti
    Tags:
    cina ripresa
    Loading...
    in evidenza
    Da Arisa a Franco126 Le uscite musicali dell’estate

    Costume

    Da Arisa a Franco126
    Le uscite musicali dell’estate

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

    Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.