BANNER

Per la seconda volta in due settimane, migliaia di autisti di camion si sono mobilitati

per protestare contro l'introduzione di una ecotassa in Francia. Circa 2.200 tir, secondo la polizia, 4.500 secondo le associazioni dei trasportatori, hanno viaggiato a passo di lumaca sulle strade e autostrade di tutto il Paese. Particolarmente colpita l'Ile de France, la regione parigina, con rallentamenti importanti di decine di chilometri sull'A4 verso Parigi e sull'A6 verso la provincia.

Il governo del presidente Francois Hollande è stato già costretto a rinviare l'introduzione della tassa, dopo le violente proteste soprattutto in Bretagna. L'ecotassa dovrebbe essere applicata a tutti i camion sopra le 3,5 tonnellate in circolazione sui 15mila chilomteri della rete stradale ed autostradale francse, a partire dal 2014.. I manifestanti e i loro camion bloccano tutti i meezzi pesanti e lasciano filtrare solo le automobili.

La protesta ha già avuto delle conseguenze, infatti il presidente Hollande, dopo le proteste dei berretti rossi è stato costretto a rivedere i piani del governo. A causa della mobilitaizone che è partita dalla Bretagna in Francia la sinistra di governo è sempre più in allarme, consapevole com’è che le proteste sociali bretoni, i militanti anti unioni gay e una parte della destra popolare si stanno parlando.  La sinistra teme che nasca e trovi terreno di sviluppo un Tea Party alla francese ossia un partito che voglia un blocco anti tasse.

cappelli rossi
La protesta dei "berretti rossi". Guarda il video-reportage del direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino

 

BANNER
2013-12-02T14:01:48.913+01:002013-12-02T14:01:00+01:00truetrue1546116falsefalse353Esteri/esteri4130978315462013-12-02T14:01:48.977+01:0015462013-12-02T17:50:54.647+01:000/esteri/la-francia-non-come-l-italia-ecotassa-la-protesta-fiscale021213false2013-12-02T14:59:49.947+01:00309783it-IT102013-12-02T14:01:00"] }
A- A+
Esteri

 

 

bretagna berretti rossi 500
 
BANNER

Per la seconda volta in due settimane, migliaia di autisti di camion si sono mobilitati

per protestare contro l'introduzione di una ecotassa in Francia. Circa 2.200 tir, secondo la polizia, 4.500 secondo le associazioni dei trasportatori, hanno viaggiato a passo di lumaca sulle strade e autostrade di tutto il Paese. Particolarmente colpita l'Ile de France, la regione parigina, con rallentamenti importanti di decine di chilometri sull'A4 verso Parigi e sull'A6 verso la provincia.

Il governo del presidente Francois Hollande è stato già costretto a rinviare l'introduzione della tassa, dopo le violente proteste soprattutto in Bretagna. L'ecotassa dovrebbe essere applicata a tutti i camion sopra le 3,5 tonnellate in circolazione sui 15mila chilomteri della rete stradale ed autostradale francse, a partire dal 2014.. I manifestanti e i loro camion bloccano tutti i meezzi pesanti e lasciano filtrare solo le automobili.

La protesta ha già avuto delle conseguenze, infatti il presidente Hollande, dopo le proteste dei berretti rossi è stato costretto a rivedere i piani del governo. A causa della mobilitaizone che è partita dalla Bretagna in Francia la sinistra di governo è sempre più in allarme, consapevole com’è che le proteste sociali bretoni, i militanti anti unioni gay e una parte della destra popolare si stanno parlando.  La sinistra teme che nasca e trovi terreno di sviluppo un Tea Party alla francese ossia un partito che voglia un blocco anti tasse.

Tags:
franciaitaliaecotassaautostrade bloccate
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.