A- A+
Esteri
Libia, l'Italia costretta all'azione militare


Da ieri gli Usa hanno avviato bombardamenti aerei sulla città di Sirte, una enclave dell'Isis in territorio controllato dal governo di Unità Nazionale di Fayez al Serraj a Tripoli, riconosciuto dall' Onu e dagli Usa stessi; l'altro governo è quello che ha sede a Tobruk e il cui uomo "forte" è il generale Khalifa Haftar, "ministro della difesa" sostenuto dalla Francia (che ebbe la bella idea di fare fuori Gheddafi senza un piano alternativo) destabilizzando l'intera area con enormi danni per l' Italia, ex Paese colonialista.
Per ora gli attacchi Usa partono dalla Giordania e dalle navi nel mediterraneo ma presto sarà utilizzata la base di Sigonella, in Italia; in questa base sono pronti 11 caccia Usa equipaggiati con missili aria - terra Hellfire più un esercito di droni armati.
Il 21 luglio scorso, a Washington, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni con quello della Difesa Roberta Pinotti hanno firmato con gli Usa un protocollo in cui gli americani potranno disporre di Sigonella ed hanno chiesto l'uso anche di Aviano, ma su questo l'Italia non ha ancora risposto.
E' del tutto evidente che l'Italia aumenterà la propria esposizione nei confronti dell'Isis in un momento in cui il terrorismo sta mostrando tutta la sua capacità d'azione; dunque si tratta di una mossa incauta che mette al rischio la "neutralità" del nostro Paese che finora non ha avuto attacchi diretti da parte dei fondamentalisti islamici. Una decisione grave che Renzi evidentemente non è riuscito ad evitare pur evitando, della qual cosa va dato atto, un coinvolgimento diretto in prima linea dell'Italia allettata dagli Usa con le mostrine di "Paese guida" nella sua ex - colonia; in tutto questo i francesi fanno come al solito i loro interessi sostenendo addirittura l'altro governo e gli inglesi, come il prezzemolo, si trovano comunque presenti da mesi.
Renzi, quatto quatto, si è fatto però fare un decreto che concede al presidente del Consiglio la prerogativa di approvare missioni sotto il controllo dei servizi segreti militari.
Anche questa una mossa che non sarà sfuggita all'Isis…

Tags:
libia guerra isis italia
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.