A- A+
Esteri


L'approvazione ieri della legge che estromette tutti gli ex 'fedeli' di Muammar Gheddafi che ancora ricoprono incarichi pubblici non basta ai miliziani che da giorni circondano almeno due ministeri (Esteri e Giustizia) a Tripoli. Insistono nel chiedere le dimissioni del governo guidato dal premier Ali Zeidan. Zeidan, che, salvo interpretazioni diverse della nuova norma, rischia di essere deposto insieme ad altri 4 ministri, cosi' come il presidente dell'Assembla Nazionale, Mohamed Magarief. Zeidan e Magarief erano diplomatici durante il regime del Colonnello iniziato nel settembre del 1969 e conclusosi il 20 ottobre 2011 con la sua morte. I due defezionarono e passarono all'opposizione in esilio nel 1980. "Siamo determinato a continuare la nostra 'protesta' fino alle dimissioni del (premier) Ali Zeidan", ha dichiarato Osama Kaabar, uno dei leader delle milizie che avevano promesso di porre fine all'assedio dei ministeri se la legge anti-gheddafiani fosse passata.

Tags:
gheddafilibiaministeri
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.