A- A+
Esteri
Libia, rapporto choc: mille donne pronte a farsi esplodere per l'Isis

Centinaia di donne stanno combattendo per l'Isis in Libia e molte di loro sono pronte a compiere attentati suicidi, dopo essere state "promosse" di grado dal loro iniziale ruolo di semplici mogli di jihadisti. Secondo alcuni esperti, citati dal Libyan Express, fino a 1.000 donne sarebbero parte del gruppo dello Stato islamico nel Paese.

Le donne, che arriverebbero in gran parte dalla Tunisia, avrebbero ricevuto un addestramento di tre settimane all'uso delle armi, prima di essere inviate sul campo di battaglia. Moltissime tra loro, riferisce il giornale, hanno ricevuto un addestramento specifico per attentati kamikaze. I jihadisti, in particolare, punterebbero all'arruolamento di donne molto giovani, preferibilmente adolescenti di una quindicina d'anni.

Tags:
libia isisdonne kamikaze
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.