A- A+
Esteri
Libia, italiano rapito. C'è la pista estorsione

Ore di attesa e di ansia per Marco Vallisa, il tecnico italiano scomparso nell'ovest della Libia, rapito insieme con due suoi colleghi stranieri. E mentre ancora non c'e' nessuna rivendicazione su quello che da Tripoli ormai si dà per certo sia un sequestro, si iniziano a ipotizzare le possibili piste. Tra le quali potrebbe prevalere quella di un rapimento a scopo di estorsione. Come lasciato intendere dallo stesso fratello di Vallisa - "ci attendiamo la richiesta di un riscatto" - e alla luce della zona in cui è avvenuto il fatto, un'area costiera lontana dalle tensioni jihaidiste. Solo prime ipotesi, teoriche, vista la situazione del turbolento paese nordafricano dove la sicurezza è a rischio. Anche per gli addestratori italiani - i 28 militari che preparano i colleghi libici - costretti oggi a trasferirsi in ambasciata dopo gli scontri tra governativi e ribelli nella capitale, vicino alla zona in cui risiedono.

A Roma le autorità italiane sono impegnate per chiarire i contorni della vicenda Vallisa, seguita personalmente dal ministro degli Esteri Federica Mogherini, e la Farnesina ha attivato a tutti i canali disponibili per ottenere la sua liberazione. Di sequestro hanno parlato stamane fonti del governo di Tripoli, e gli stessi familiari del tecnico italiano hanno detto di aspettarsi una richiesta di riscatto.
   
Vallisa, 53 anni e esperto di costruzioni impegnato in un cantiere della modenese 'Piacentini Costruzioni', è scomparso insieme con altri due colleghi, il bosniaco Petar Matic e il macedone Emilio Gafuri, nella città costiera di Zuwara, abitata in prevalenza da berberi. Secondo le prime ricostruzioni, la loro macchina è stata ritrovata con le chiavi inserite nel quadro, circostanza che rafforza la tesi del rapimento a scopo estorsivo. La scomparsa dei tre è avvenuta infatti nell'ovest del Paese, zona lontana dalla Cirenaica in cui si concentrano le forze 'jihadiste'. Intanto, cresce l'ansia a Roveleto di Cadeo.

Sono liberi i due tecnici stranieri scomparsi sabato in Libia insieme con Marco Vallisa. Petar Matic ed Emilio Gafuri sono attesi alla sede della Piacentini a Zuwara. Lo rende noto la Farnesina. Intanto proseguono tutte le attivita' della Farnesina, insieme agli altri organi dello Stato, per arrivare quanto prima a una conclusione positiva della vicenda che riguarda il nostro connazionale.

Tags:
libia
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.