A- A+
Esteri
McConnell spazza via il filibuster, dal Senato ok a Gorsuch alla Corte Suprema

Dopo la sconfitta alla Camera sulla mancata abrogazione di Obamacare i repubblicani avevano bisogno di una vittoria per dimostrare che possono governare  e l'hanno ottenuta al Senato con la conferma di Neil Gorsuch alla Corte Suprema (voto finale  54 sì, 45 no e un senatore assente).

Si tratta di una vittoria temporanea e anche molto costosa perché Mitch McConnell è stato costretto a cambiare le regole del Senato facendo uso della “nuclear option”, l'opzione nucleare con la quale si è eliminata la lunga storia del filibuster. Come si sa, il filibuster che richiedeva la super maggioranza di 60 voti per ottenere “cloture”, la fine ai dibattiti  e procedere al voto, dava una certa misura di potere al partito di minoranza di mettere freni ai possibili abusi della maggioranza al Senato. 

L'approvazione dei giudici della Corte Suprema in passato avveniva quasi come routine. Si ricorda che Antonin Scalia, giudice molto conservatore, deceduto nel febbraio dell'anno scorso, era stato approvato nel 1986 all'unanimità. L'uso del filibuster per affrontare nomine di giudici alla Corte Suprema era raro. Si ricordano i casi di William H. Rehnquist nel 1971 e 1986 e di Samuel Alito nel 2006. Ambedue furono però eventualmente confermati.

Il caso di Gorsuch riflette in un certo senso la tossicità di Washington negli ultimi tempi. I repubblicani avevano fatto un'arte della loro ostilità a Barack Obama ostruendo l'agenda politica della Casa Bianca. Hanno continuato questa ostruzione con il loro “gran rifiuto” di considerare Merrick Garland, nominato da Barak Obama per sostituire Scalia. La “scusa” dei repubblicani è stata che in un anno di elezioni presidenziali non si devono considerare nomine alla Corte Suprema. Una regola inesistente che McConnell è riuscito però ad imporre a tutti i senatori del suo partito i quali non hanno dato nessuna chance a Garland sapendo che le qualità moderate del giudice non avrebbero lasciato altra strada che la conferma.

I senatori democratici si sentivano incoraggiati dalla loro “vittoria” su Obamacare alla Camera  e considerando l'ombra del Russiagate che erode la legittimità di Trump hanno fatto uso del filibuster ma per l'ultima volta. Se la legittimità del presidente rimane dubbia anche una sua nomina alla Corte Suprema si colora di incertezze come ha tuonato Elizabeth Warren, senatrice del Massachusetts. Warren ha detto che sarebbe “pazzesco” approvare Gorsuch, nominato da Trump, quando l'amministrazione del 45esimo presidente è indagata dalla Fbi con possibili capi di accusa che eventualmente potranno arrivare alla Corte Suprema. Un giudice nominato da Trump potrebbe eventualmente spostare l'ago della bilancia decidendo se l'attuale inquilino della Casa Bianca o i suoi collaboratori hanno commesso reati. Inoltre l'impopolarità di Trump indeboliva la legittimità dalla nomina dato che solo il 34 percento degli americani approva l'operato del 45esimo presidente, secondo un sondaggio dell'Investor's Business Daily.

Ovviamente la posizione dei democratici, anche se non unanime, si basava sull'ipotesi che il seggio di Gorsuch era stato rubato dato che apparteneva a Garland. Ufficialmente, però, Chuck Schumer, leader dei democratici al Senato, ha spiegato che l'opposizione a Gorsuch si basava sull'estremismo del giudice, sulle sue risposte evasive e sulla sua insensibilità ai diritti delle donne. Non ha tutti i torti. Gorsuch, per esempio, non si è incontrato con tre senatrici democratiche per ragioni  di “tempo”.

L'eliminazione del filibuster però era stata già iniziata dai democratici nel 2013 quando l'allora presidente del Senato Harry Reid, frustrato dall'abuso dei repubblicani che bloccavano tutti i giudici per le corti d'appello nominati da Obama, decise di eliminarlo mantenendolo però per la Corte Suprema. L'eventuale eliminazione del filibuster anche per la Corte Suprema messo in atto da McConnell  (52 voti sì, 48 no) aumenterà la tossicità a Washington ma avrà anche un notevole effetto sulle nomine di futuri giudici. In passato la presenza del filibuster spingeva i presidenti a non nominare estremisti. Il fatto che 60 voti al Senato erano potenzialmente necessari per l'approvazione metteva freni a giudici estremisti.

Alcuni senatori moderati avevano indicato che avrebbero cercato di trovare un compromesso per evitare l'eliminazione del filibuster. Le negoziazioni al Senato sono però divenute difficilissime a differenza del passato quando “alla fine si trovava qualche soluzione” ha dichiarato John McCain, senatore dell'Arizona e candidato presidenziale repubblicano nell'elezione presidenziale del 2008. McCain però, come altri “venerabili” senatori del Gop non ha fatto nulla per impedire a McConnell di bloccare la nomina di Garland che ha avvelenato ancor di più il clima tossico di Washington. Se dunque i democratici ci hanno messo del loro per l'eliminazione del filibuster sono stati i repubblicani dare “il colpo di grazia”. “Sarà un duro colpo all'istituzione del Senato” ha concluso McCain. Non solo. Anche un duro colpo per il Paese considerando l'importanza della Corte. Basti solo ricordare che fu la Corte Suprema a bloccare il riconteggio dei voti in Florida nel 2000 che ci diedero George W. Bush come presidente.

Domenico Maceri

PhD, University of California, scrive su politica americana. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications

Tags:
mcconnellgorsuch trump corte usa
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.