A- A+
Esteri
Midterm, i Repubblicani perdono la Camera ma conservano il Senato
LaPresse

Mezza sconfitta per Donald Trump alle elezioni di Midterm che hanno visto un'elevata partecipazione al voto da parte dei cittadini statunitensi. I Repubblicani hanno perso il controllo della Camera ma hanno conservato la maggioranza al Senato. Ora il presidente dovrà fare i conti con un Congresso non più tutto dalla sua parte e quindi l'azione della Casa Bianca verrà in parte frenata.

"Eccezionale successo stanotte. Grazie a tutti!". Con questo breve tweet, il presidente americano, Donald Trump, ha salutato le elezioni di midterm che hanno visto i Repubblicani perdere il controllo della Camera ma mantenere quello del Senato.

LA SITUAZIONE - Nelle elezioni di meta' mandato in Usa, i Democratici hanno strappato la maggioranza della Camera dei rappresentanti dagli Stati Uniti ai repubblicani. Si sono appena chiusi i seggi elettorali sulla costa occidentale, ma le proiezione danno che i democratici hanno vinto nella Camera bassa, conquistando i 23 seggi almeno di cui avevano bisogno per spodestare i conservatori: nonostante ancora manchi il conteggio complessivo, i democratici hanno gia' strappato almeno una decina di seggi della Camera dei rappresentanti ai repubblicani, probabilmente ne aggiungeranno almeno altri dieci e potrebbero, almeno secondo le proiezioni della Cnn, addirittura strappare 35 deputati al Gop.   Anche se il partito del presidente ha storicamente sempre 'sofferto' nelle elezioni meta' mandato- era successo anche ai democratici di Barack Obama nel 2010 - i risultati potrebbe rimodellare il panorama politico per anni, anche in vista della campagna presidenziale 2020. L'elezione ha messo a nudo le difficolta' dei repubblicani in alcuni distretti in Florida, Denver e Virginia. In Virginia, l'attuale membro del Congresso del partito repubblicano Barbara Comstock ha perso il seggio nella Camera dei rappresentanti per il decimo distretto dello Stato cedendolo alla democratico Jennifer Wexton. La 'corsa', in un quartiere periferico del nord della Virginia dove Hillary Clinton aveva vinto per 10 punti percentuali nel 2016, era considerata cruciale per le speranze repubblicane di mantenere il controllo della Camera.   In Florida, la democratica Donna Shalala si e' accaparrata il 27esimo distretto, che era in mano alla repubblicana Ileana Ros-Lehtinen dal 1989, che si e' ritirata quest'anno; e la progressista Debbie Mucarsel-Powell ha sconfitto il conservatore Carlos Curbelo nel 26esimo distretto.   I repubblicani avevano fino ad oggi un vantaggio di 235 seggi a 193 nella Camera bassa, con sette seggi vacanti. Ora i democratici puntano ad avere risultati simili alle elezioni di midterm del 2006, quando conquistarono 31 seggi che erano in mano al partito repubblicano sull'onda del malcontento popolare per il presidente George W. Bush e la guerra in Iraq.

SENATO

Il democratico Bernie Sanders, che corre come indipendente, si è aggiudicato le elezioni in Vermont per il Senato, secondo le proiezioni della Cnn, e viene così confermato.

Il democratico Tim Kaine, candidato vicepresidente con Hillary Clinton nel 2016, ha vinto il seggio al Senato in Virginia, secondo le proiezioni della Cnn.

La democratica Elizabeth Warren, papabile candidata alla presidenziali 2020, ha vinto le elezioni in Massachusetts per il Senato.

Il democratico Bob Menendez vince in New Jersey la corsa per il Senato, conquistando così il suo terzo mandato nonostante le accuse di corruzione. Menendez ha battuto il repubblicano Bob Hugin.

Il repubblicano Mike Braun ha vinto il seggio in Senato per l'Indiana, uno degli Stati chiave, battendo il democratico Joe Donelly.

Il repubblicano Mitt Romeny vince in Utah la corsa per il Senato. E' la proiezione dei media americani. L'ex candidato alla Casa Bianca è eletto così senatore.

CAMERA

Greg Pence, il fratello del vice presidente Mike Pence, si è aggiudicato un posto alla Camera in base alle proiezioni di alcuni media americani, fra i quali Nbc e Cnn. Greg Pence correva in Indiana e nel corso della  sua campagna ha assicurato che se avesse vinto avrebbe appoggiato l'agenda del presidente Donald Trump.

La democratica Debbie Wasserman Schultz, l'ex presidente del partito democratico accusata di aver favorito Hillary Clinton su Bernie Sanders alle elezioni del 2016, ha vinto in Florida confermando il suo posto alla Camera. E' la proiezione dei media americani.

La democratica Rashida Tlaib, figlia di immigrati dalla Palestina, diventa la prima donna musulmana ad essere eletta al Congresso americano, nel suo distretto per la Camera in Michigan

La democratica progressista Alexandra Ocasio-Cortez è stata eletta nel suo distretto per la Camera nello stato di New York e con i suoi 29 anni diventa il più giovane membro del Congresso della storia americana.

Il democratico Andrew Cuomo vince le elezioni a New York e viene confermato governatore dello Stato. E' la proiezione della Cnn. 

GOVERNATORI

In Florida cade una delle più grosse speranze democratiche, con la vittoria di Ron De Santis, un "falco" sostenuto con forza da Donald Trump contro il sindaco di Tallahassee Andrew Gillum, che sarebbe stato il primo governatore afroamericano del Paese.

In Georgia la sfida è tra l'afroamericana democratica Stacey Abrams e il repubblicano Brian Kemp. I primi dati danno il repubblicano in netto vantaggio.

L'Illinois cambia colore e passa dai repubblicani a un governatore democratico, J.B Pritzker. E una grande sorpresa arriva dal Kansas, dove la democratica Laura Kelly scalza il repubblicano Kris Kobach.

Midterm: Texas non si tinge di blu, Cruz batte Beto per Senato 

Il Texas non si tinge di blu. Il senatore repubblicano ultraconservatore Ted Cruz si e' aggiudicato la rielezione nello Stato della stella solitaria battendo di misura il democratico Beto O'Rourke. Il giovane Beto, seppure tra i candidati piu' carismatici e piu' finanziati di queste elezioni Usa di meta' mandato, non e' riuscito a rompere l'incantesimo che da 30 anni impedisce ai democratici di essere eletti in Senato in Texas. Cruz ha ostentato ottimismo anche quando le proiezioni davano il rivale in vantaggio. Si e' presentato nell'hotel Hilton Post Oak di Houston, in uno dei quartieri piu' esclusivi della citta', per la festa della vittoria distribuendo copie della Costituzione americana con sulla copertina stampata la sua faccia. Resta saldamente in mano ai repubblicani anche il controllo dello Stato con Greg Abbott confermato governatore per il secondo mandato.

Commenti
    Tags:
    usa elezioni midterm
    in evidenza
    Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

    VIDEO

    Terence Hill lascia Don Matteo
    Applauso d'addio della troupe

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.