A- A+
Esteri

TALEBANI: "RAGAZZINO-EROE HA ATTACCATO GLI ITALIANI" - Un ragazzino di 11 avrebbe lanciato la bomba mortale nel Lince degli italiani a Farah nell'attacco in cui e' morto il capitano dei Bersaglieri Giuseppe La Rosa. Lo hanno reso noto i talebani in un comunicato in lingua inglese. "Un coraggioso, eroico ragazzino afghano di 11 anni - si legge - ha lanciato la granada".

CONI, MINUTO DI SILENZIO IN MANIFESTAZIONI SPORT - Lo sport italiano si ferma un minuto per onorare la memoria del militare caduto in Afghanistan. Il presidente del Coni, Giovanni Malago', ha infatti "invitato le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive, che si disputeranno in Italia nel fine settimana, in memoria del militare italiano ucciso in Afghanistan".

giuseppe la rosa

L'ATTENTATO, MORTO IL CAPITANO LA ROSA - Il militare morto in Afghanistan aveva 31 anni ed era siciliano: il capitano Giuseppe La Rosa, nato nel 1982 a Barcellona Pozzo di Gotto (Me) celibe, effettivo al terzo reggimento Bersaglieri, e' deceduto sul colpo.

Lo riferisce in una nota lo Stato Maggiore della Difesa, precisando che i tre militari rimasti feriti, effettivi rispettivamente, al 82^ Reggimento Fanteria "Torino" (Barletta) e all'8^ reggimento Bersaglieri, sono stati trasferiti all'ospedale di Farah e non versano in pericolo di vita. Ricostruendo l'accaduto, la Difesa precisa che "nella mattinata di oggi alle ore 10.30 locali (0700 italiane) un VTLM Lince appartenente a un convoglio del Military Advisor Team della Transition Support Unit South (TSUS) che stava rientrando nella base di Farah, dopo aver svolto attivita' in sostegno alle unita' dell'esercito afghano, e' stato oggetto di un attacco da parte di elementi ostili a seguito del quale un militare italiano e' rimasto ucciso e altri 3 hanno riportato ferite. Un elemento ostile ha lanciato un ordigno esplosivo all'interno del primo dei tre mezzi del dispositivo della TSU south. Il mezzo presumibilmente rallentato dal traffico nei pressi di un incrocio dopo l'esplosione rientrava autonomamente presso la base di Farah". "Sono in corso accertamenti - conclude la nota - per chiarire la dinamica dell'accaduto".

NAPOLITANO SU MILITARE MORTO, PROFONDO CORDOGLIO  Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, appresa con profonda commozione la notizia del tragico attentato in cui ha oggi perso la vita un militare dell'Esercito Italiano e altri tre sono rimasti feriti, mentre svolgevano i propri compiti operativi nella missione ISAF in Afghanistan, esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei familiari del caduto, rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese. Il Presidente Napolitano formula l'accorato auspicio che i militari feriti nell?attacco possano superare questo momento critico.

ATTACCO A MILITARI ITALIANI, UN MORTO E 3 FERITI - Un militare italiano, capitano del Terzo Bersaglieri, e' rimasto ucciso e altri 3 sono stati feriti in Afghanistan. Alle 10.30 locali (le 7 italiane) un VTLM Lince appartenente a un convoglio del Military Advisor Team della Transition Support Unit South (TSUS) che stava rientrando nella base di Farah, dopo aver svolto attivita' in sostegno alle unita' dell'esercito afghano, e' stato attaccato da elementi ostili a seguito. Sono in corso accertamenti per chiarire la dinamica dell'accaduto.

Tags:
militare mortoafghanistan
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.