A- A+
Esteri

Il Governo Letta aumenta gli stanziamenti per la cooperazione e la ricostruzione. Diminuisce i soldi per le missioni in Afghanistan rispetto al precedente decreto del Governo Monti. Lo si desume dal comunicato del Consiglio dei Ministri odierno. Tutto naturalmente dovra' essere verificato alla luce del testo che verra' pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e dalle modifiche che verranno introdotte durante l'iter parlamentare. Il decreto legge, approvato oggi dal Consiglio cdei Ministri, stanzia per tre mesi (1 ottobre-31 dicembre 2013) 63 milioni di euro per iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione in favore di Afghanistan, Iraq, Libia, Mali, Myanmar, Pakistan, Siria, Somalia, Sudan, Sud Sudan. Il precedente decreto del Governo Monti stanziava per nove mesi (1 gennaio 2013- 30 settembre 2013) 15 milioni per la cooperazione in Afghanistan e Pakistan; 20 milioni per la cooperazione in Iraq, Libia, Myanmar, Siria, Somalia, Sudan, Sud Sudan. Aumenta anche il sostegno per i processi di ricostruzione e stabilizzazione nei Paesi in situazione di conflitto o post conflitto: dai 3,9 milioni per nove mesi del Governo Monti ai 4,16 milioni per tre mesi del Governo Letta. Diminuiscono leggermente gli stanziamenti per le missioni Isaf ed Eupol in Afghanistan: dai 426,6 milioni per 9 mesi stanziati dal Governo Monti passiamo a 124,5 milioni per tre mesi del decreto legge odierno del Governo Letta.

Aumentano leggermente gli stanziamenti per la partecipazione di personale militare nelle missioni internazionali nei Balcani: dai 52,5 milioni per nove mesi del Governo Monti ai 22,4 milioni per tre mesi del Governo Letta. Sostanzialmente invariati i soldi per la missione Unifil in Libano: dai 118,5 milioni per nove mesi del Governo Monti ai 40,2 milioni per tre mesi del Governo Letta. Sostanzialmente invariati anche i soldi per le missioni in Bosnia, nel Mediterraneo, a Hebron, Rafah, nel Darfur, in Libia, in Georgia, nel Sud Sudan, in Mali, in Albania (Forze di polizia), in Kosovo (Polizia di Stato), a Cipro, in Palestina (Polizia di Stato) e per le missioni contro la pirateria. Aumentano gli stanziamenti per la Guardia di Finanza in Libia che svolge attivita' addestrativa per la Guardia costiera libica al fine di contrastare l'immigrazione clandestina. Si passa dai 4,6 milioni per nove mesi del Governo Monti ai 2,9 milioni per tre mesi del Governo Letta. Aumenta anche la fiducia nell'Aise, che ricevera' per le missioni internazionali 4 milioni in tre mesi dal Governo Letta contro i 10 milioni in nove mesi stanziati dal Governo Monti. Nel comunicato del Consiglio dei Ministri non si fa cenno agli 11,8 milioni stanziati per il 2013 dal precedente Governo Monti per "la ristrutturazione del Quartiere Generale del Consiglio Atlantico a Bruxelles".

Tags:
afghanistanmissioni
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.