A- A+
Esteri
Mosul, battaglia finale contro Isis. Attacco suicida. Il video choc

La battaglia di Mosul e' cominciata. L'offensiva finale per la riconquista della citta' irachena dall'Isis potrebbe durare a lungo ma, secondo le fonti della coalizione a guida americana, sta gia' ottenendo successi sul terreno. Un primo bilancio sara' fatto il prossimo 25 ottobre a Parigi, dove si vedranno i ministri della Difesa dei 13 paesi appartenenti al blocco che sfida lo Stato islamico in Siria e in Iraq, e tra loro l'italiana Roberta Pinotti. E' in vista, dunque, una nuova emergenza umanitaria, sia perche' i civili saranno costretti a fuggire dalle bombe sia perche', come accaduto altrove, i miliziani jihadisti tenteranno di usarli come scudi umani.

L'OFFENSIVA ANNUNCIATA DAL PREMIER ABADI "L'ora della vittoria e' arrivata e le operazioni per liberare Mosul sono cominciate", ha esordito il premier iracheno Haider al Abadi, mentre una colonna di veicoli blindati si metteva in marcia verso la citta', da una posizione distante 45 chilometri dalla citta'. Sfondata la prima linea difensiva posta al di fuori del perimetro urbano, l'esercito iracheno ha proseguito dalla zona di Baashiqa, servendosi della copertura data dai caccia, che dall'alto hanno colpito sia il centro di Mosul sia la base di al Qiyara e la zona di Sahel Ninive. Stando a fonti vicine al governo autonomo del Kurdistan, dopo aver liberato una decina di villaggi nel distretto di Hamdanyia i peshmerga sono attestati alle porte di Qaraqosh e Bartella, due localita' a maggioranza cristiana situate a pochi chilometri dal capoluogo, nelle mani dell'Isis dall'agosto 2014.

In citta', ha detto Abadi temendo lo scatenarsi di appetiti tra e fazioni una volta compiuta la riconquista, entreranno solo l'esercito e la polizia irachene. Nel corso dei combattimenti almeno otto combattenti curdi sono rimasti uccisi. La diga, alla quale lavorano tecnici italiani della Trevi, non e' coinvolta nella battaglia. All'offensiva partecipa la meta' dei 3.000 combattenti iracheni addestrati dalle forze turche nel campo di Bashiqa. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nonostante gli attriti con Abadi per la presenza di truppe di Ankara, ha affermato che e' "impensabile che la Turchia resti fuori dall'offensiva", che, ha avvertito il generale Stephen Townsend, comandante della coalizione internazionale a guida USA "potrebbe durare settimane, o forse piu'". L'operazione, ha commentato il segretario alla Difesa Usa Ashton Carter, e' un "momento decisivo" per sconfiggere l'Isis, mentre per il capo della Farnesina, Paolo Gentiloni, la liberazione di Mosul "avra' un impatto simbolico, psicologico e politico straordinario, sara' un punto di svolta e ridurra' certamente l'appeal dello Stato islamico anche nei confronti dei foreign fighters, dei lupi solitari e degli altri estremisti radicalizzati in giro per l'Europa e il mondo".

"I nostri aerei hanno partecipato ai raid della coalizione guidata dagli Usa e siamo comunque pronti a intervenire ancora, e fare tutto cio' che riterremo necessario, senza dover chiedere il permesso a nessuno", ha aggiunto, ribadendo lo scarso gradimento della Turchia per l'esclusione dalle operazioni di terra. Il primo ministro turco ha poi ribadito che l'esercito di Ankara rispondera' "senza esitazione" a ogni potenziale minaccia derivante da eventuali sviluppi negativi delle operazioni in corso a Mosul.

 

Tags:
mosul battaglia isismosul attacco suicida
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.