A- A+
Esteri
Muslim ban, prima vittoria di Trump. La Corte Suprema gli dà ragione

Trump incassa la sua prima vittoria sul controverso decreto sigilla-frontiere, quello che vietava l'ingresso negli Stati Uniti ai cittadini provenienti da sette (poi sei) paesi a maggioranza musulmana. La Corte Suprema da' ragione infatti alla Casa Bianca sul "travel ban": i giudici hanno ridimensionato infatti la sentenza che bocciava tale discusso decreto, con cui il presidente ha imposto il divieto di ingresso ai passeggeri provenienti da specifici aeroporti di sei Paesi a maggioranza musulmana, ma inquadrabili anche - a eccezione dell'Iran - come zone di conflitti armati: Libia, Somalia, Siria, Sudan e Yemen.

Riconoscendo il carattere "di emergenza" del decreto presidenziale, la Corte ha confermato al sua entrata in vigore dal 6 marzo scorso - data in cui Trump ha firmato il provvedimento - mentre puo' proseguire la battaglia legale di chi ha presentato ricorso. L'autorita' giudiziaria inoltre ascoltera' i vari ricorsi che i legali del presidente presenteranno, ma a partire da ottobre.

Le fonti di stampa nordamericane riferiscono inoltre che la Corte ha in parte confermato il divieto di ingresso per i rifugiati provenienti da quei Paesi per la durata di 120 giorni. Trump ha adito la Corte a inizio giugno, dopo che qualche giorno prima la Corte d'Appello della Virginia aveva sospeso il decreto, divenuto oggetto di polemica a livello internazionale.

Tags:
muslim banimmigrazione usadonald trump muslim ban
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.