A- A+
Esteri

Marcello Rizzo, l'italiano di 55 anni rapito la scorsa settimana nel sud della Nigeria, "sta bene". E' quanto apprende l'AGI da fonti locali che lavorano alla sua liberazione. Le fonti spiegano di aver avuto un primo contatto con i sequestratori nel corso del fine settimana, occasione nella quale sono riusciti a sentire telefonicamente Rizzo che ha affermato di essere "preoccupato" e di "essere trattato bene".

Le fonti confermano la propria fiducia in una soluzione "positiva e rapida della vicenda", anche se al momento la situazione e' in una "fase di stallo" e "bisogna aspettare un ulteriore contatto da parte dei rapitori". Rizzo, concludono le fonti, sarebbe stato rapito da una banda locale e non da guerriglieri del Mend. Rizzo, originario della provincia di Catania, lavora in Nigeria da otto anni. Attualmente e' impiegato, come project manager, nella societa' di costruzioni siciliana Gitto, che nel sud della Nigeria e' impegnata in diversi progetti infrastrutturali.

Tags:
nigeriarapito
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.