A- A+
Esteri
Nigeria paese più ricco dell'Africa. E' boom del cinema con Nollywood

La Nigeria, il paese africano più popoloso con 170 milioni di abitanti, è diventata la prima economia del “continente nero” superando il Sudafrica. Il sorpasso è avvenuto nel giro di 24 ore. Sembra assurdo, ma è davvero così. E’ bastato aggiornare i dati, così la Nigeria si ritrova ad essere l’economia più grande dell’Africa. Nel 2012 il turbolento paese africano, uno dei principali produttori al mondo di petrolio, ha registrato una crescita del pil del 60% a 453 miliardi di dollari. Nel 2013 è avvenuta un’ulteriore crescita a 510 miliardi di dollari. Viene superato così il Sudafrica, a lungo prima economia del continente, che nel 2012 ha evidenziato un pil nominale di 384 miliardi di dollari.

La Nigeria è un paese dalle mille contraddizioni. L’economia cresce a ritmi vertiginosi, attira investitori internazionali e mostra una costante crescita del pil pro-capite (nonostante sia ancora tre volte inferiore rispetto al Sudafrica). Per comprendere la natura del fenomeno, basta osservare lo sviluppo del settore telecomunicazioni: nel 2000 c’erano appena 30.000 cellulari, oggi se ne contano 113 milioni. E poi c’è l’industria del cinema in grande espansione, ribattezzata Nollywood. La ricchezza del paese è però troppo concentrata nelle mani di pochi: nel 2010 il 61% della popolazione viveva con meno di 1$ al giorno. Nel 2012 il pil pro-capite era pari a 1.555$, nel 2013 è stato corretto a 2.688$ (in Sudafrica è di 7.508$).

Da oggi, però, il pil nigeriano sarà aggiornato contando 46 settori industriali (dai 33 precedenti) e nel calcolo figureranno anche il comparto finanziario, assicurativo e immobiliare. La principale risorsa del paese resta il petrolio, croce e delizia per la popolazione nigeriana. Da un lato la sua produzione consente al paese di crescere in modo costante nel tempo, ma dall’altro la corruzione è dilagante e i furti all’ordine del giorno. Si stima che vengano sottratti al governo dai 100mila ai 400mila barili di greggio al giorno, pari al 18% della produzione nazionale di petrolio.

La banca centrale nazionale ha denunciato la mancanza di entrate per 20 miliardi di dollari, da gennaio 2012 a luglio 2012, riscosse dalla compagnia petrolifera di bandiera ma mai contabilizzate. Per quanto riguarda gli altri indicatori macro, c’è da rilevare che la disoccupazione resta decisamente elevata, l’inflazione appena sotto le due cifre, mentre il debito pubblico ed estero è abbastanza contenuto. Sullo sfondo c’è poi un forte rischio-paese: il presidente Jonathan Goodluck deve far fronte ai continui attacchi degli integralisti islamici Boko Haram, che minacciano la stabilità politica e sociale della prima economia africana.

Tags:
nigeria
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.