A- A+
Esteri

La sentenza di condanna a 35 anni di detenzione per Bradley Manning dimostra chiaramente che non ci sarebbe un processo equo negli Stati Uniti per Edward Snowden: ne e' convinto Anatoli Kucherena, l'avvocato russo della talpa dell'Nsagate che ha ottenuto asilo temporaneo in Russia, commentando la pena inflitta al militare che passo' documenti militari e diplomatici a Wikileaks.

Il legale, che ha seguito la pratica della richiesta di asilo a Mosca, ha detto di aver discusso con il suo assistito del processo Manning, in una recente conversazione privata.

"Se Edward aveva pensato qualche tempo fa di tornare negli Stati Uniti per affrontare un processo equo, ora e' assolutamente evidente che proprio nessuno presta attenzione alla posizione di una persona, alle sue motivazioni", ha detto citato da Ria Novosti, "si fa di tutto per metterla in prigione per aver rivelato informazioni".

L'avvocato ha poi aggiunto che le speranze di giustizia, nutrite da Snowden prima del processo Manning, sono svanite con la sentenza di ieri. "Se Manning viene condannato a 35 anni per aver rivelato informazioni sulle uccisioni di civili pacifici, come si puo' parlare di rispetto della giustizia, anche nel caso di Edward?", ha denunciato Kucherna.

Tags:
snowdendatagate
in evidenza
"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"

Barbara D'Urso e la simpatia con...

"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Mercedes-Benz 320 del 1937 la prima ambulanza della Stella

Mercedes-Benz 320 del 1937 la prima ambulanza della Stella

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.