A- A+
Esteri

Anche l'ex premier israeliano, Ehud Olmert, il commissario europeo alla Concorrenza, Joaquin Almunia, e almeno tre ministri tedeschi furono spiati dagli 007 americani e britannici. Lo rivelano New York Times, il Guardian e lo Spiegel sulla base di nuovi e piu' dettagliati documenti relativi attivita' di spionaggio della National Security Agency americana che ha preso di mira oltre 1.000 personalita' di spicco in 60 diversi Paesi. I tre giornali hanno avuto accesso a nuovi documenti della "talpa" americana, dai quali risulta che i servizi britannici intercettarono le comunicazioni telefoniche del Commissario europeo alla Concorrenza, Joaquin Almunia, ma anche la rete telefonica dei ministeri berlinesi ed almeno un'ambasciata tedesca.

Tra le persone intercettate figurerebbe anche l'ex ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, mentre tra i dati ci sarebbe anche un indirizzo mail con la dicitura "primo ministro israeliano". "Si tratta di un target modesto", ha commentato Olmert al Nyt, spiegando di aver avuto tutte le conversazioni piu' sensibili con il presidente di George W. Bush di persona. Piu' controverso lo spionaggio di Almunia, vice presidente della Commissione Ue con il compito di supervisionare le questioni Antitrust che in passato hanno riguardato anche societa' americane come Microsoft o Intel. Nei documenti, spiega il Nyt, non si precisa se lo spionaggio delle comunicazioni di Almunia sia stato richiesto dagli americani o dai britannici. In una nota la NSA ha negato di aver operato nell'interesse dalle aziende a stelle e strisce.

Quelli citati e altre centinaia di numeri telefonici si trovano su una lista che lo Spiegel ha potuto visionare e che risale al novembre 2009, contenente anche il numero telefonico dell'ambasciata tedesca in Ruanda, oltre al numero "49-30-180" di una rete di comunicazioni indicata come "German Government Network", alla quale sono colleganti numerosi enti e ministeri. Nei documenti visionati sono anche indicati i nomi di aziende del settore degli armamenti, come la francese Thales, il colosso petrolifero Total e rappresentanti di organizzazioni internazionali, tra le quali la FAO, l'Unicef e l'Istituto delle Nazioni Unite per la Ricerca sul disarmo. Nella lista figurano anche missioni diplomatiche presso le Nazioni Unite a Ginevra ed organizzazioni umanitarie come "Medecins du Monde".

Tags:
nsagateisraelealumnia
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.