A- A+
Esteri

 

 

obama lp 500 2

Barack Obama ha fatto sapere di non aver bisogno di una 'photo opportuniy'

con Nelson Mandela durante la visita che inizia oggi in Sudafrica. "Vedremo quale sara' la situazione quando atterriamo", ha dichiarato ai giornalisti il presidente americano a bordo dell'Air Force One che lo ha portato dal Senegal in Sudafrica, seconda tappa del suo tour africano.

"L'ultima cosa che voglio e' essere in qualsiasi modo di intralcio", ha aggiunto Obama, ribadendo che sara' la famiglia del 94enne ex presidente sudafricano a decidere se sia opportuna una sua visita all'ospedale di Pretoria in cui e' ricoverato. "Credo che il messaggio che vogliamo portare non sia diretto a lui ma alla sua famiglia ed e' di profonda gratitudine per la sua leadership in questi anni", ha detto Obama, "e di fargli sapere che i pensieri e le preghiere delle famiglie americane sono per lui, per i suoi cari e per la sua nazione".

LE PROTESTE - Poche ore prima dell'arrivo di Barack Obama in Sudafrica, seconda tappa della sua missione nel continente, a Pretoria dimostranti sono scesi in strada per protestare contro la visita del presidente americano e hanno definito la sua politica "arrogante, egoistica e oppressiva". Il raduno si e' concentrato a pochi isolati di distanza dall'ospedale nel quale rimane ricoverato Nelson Mandela le cui condizioni, malgrado un lieve miglioramento registrato nelle ultime ore, restano critiche a causa dell'ennesima recrudescenza dell'infezione polmonare che da tempo affligge il 94enne eroe della lotta contro il regime dell'apartheid.Alla manifestazione hanno preso parte circa 200 tra studenti, sindacalisti e militanti del Partito Comunista Sudafricano. Il gruppo si e' quasi mescolato ai ben piu' numerosi comuni cittadini, convenuti sul posto per pregare e cercare cosi' di aiutare il sempre popolarissimo 'Madiba' a superare la malattia. Ancora non e' chiaro se, durante la sua permanenza, Obama si rechera' al capezzale dell'anziano paziente: fonti della Casa Bianca hanno fatto sapere che la decisione sara' lasciata interamente alla famiglia del premio Nobel per la Pace 1993. Sarebbe il secondo incontro diretto tra il primo leader afro-americano negli Usa e il primo di colore del Paese africano, che finora si sono visti soltanto una volta: nel 2005, quando l'ospite statunitense era ancora soltanto un senatore eletto nell'Illinois.

Tags:
mandelapretoriaobama
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles anticipa il futuro Full eletric con DS3 Crossback E-Tense

DS Automobiles anticipa il futuro Full eletric con DS3 Crossback E-Tense


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.