A- A+
Esteri
A Obama non piaceva 'Yes We Can'. Michelle lo ha convinto: "Not stupid!"

Come è nato il famoso slogan 'Yes We Can' di Barack Obama? Inizialmente il presidente Usa pensava che fosse un massaggio "un po 'sciocco". Fortunatamente per lui, però, poi ha seguito il consiglio di sua moglie Michelle. In un'intervista al New York Times Magazine, una degli ex consiglieri del numero della Casa Bianca, David Axelrod, racconta come è nato lo slogan che ha segnato il successo della campagna di Obama nel novembre 2008.

La scena si svolge nel 2004. A quel tempo, Obama era in corsa per il seggio al Senato nell'Illinois. La firts lady (futura) registra una serie di video promozionali, come è consuetudine negli Stati Uniti. "Michelle era appena arrivata al primo record di pubblicità", racconta David Axelrod. I video si sono conclusi con la frase "Yes We Can". Il presidente ha letto la sceneggiatura e poi ha esclamato: "Oulala, non è un po 'sciocco?". David Axelrod gli ha detto che era un grande slogan. E' stato chiesto a Michelle che cosa ne pensasse e lei scosse la testa lentamente e disse: "Not stupido". Il resto è noto. Obama ascolta la moglie, vince le elezioni e diventa presidente.

Tags:
obamamichelleyes we can
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.