A- A+
Esteri
barack obama3

Barack Obama ha firmato l'ordine per i tagli automatici alla spesa federale da 85 miliardi di dollari, pari a 65 miliardi di euro, dopo che non e' stato raggiunto un accordo con i repubblicani sulla revisione della spesa. Il presidente americano si e' rammaricato di questa impasse sottolineando che i tagli, gia' entrati in vigore, "sono stupidi e non necessari e avranno un effetto domino sull'economia, causando la perdita di 750.000 posti di lavoro". Il "sequester", come vengono chiamati questi tagli lineari, potrebbe imporre una brusca frenata della ripresa, anche alla luce del crollo dei redditi del 3,6% registrato a febbraio, la flessione maggiore dal 1993. In una conferenza stampa dopo l'ennesima riunione tra i leader del Congresso conclusasi senza esito, Obama ha attaccato il Grand Old Party, contrario a qualsiasi aumento delle tasse anche per i piu' abbienti e interessati solo a una riduzione della spesa pubblica: "Con loro non e' facile un accordo. L'unica cosa che hanno proposto e' rimpiazzare tagli arbitrari con tagli arbitrari ancora peggiori". "Le riduzioni del deficit e del debito da sole non sono una politica economica. Io voglio essere sicuro che si parli anche di crescita", ha insistito. Con i tagli entrati in vigore trema soprattutto il Pentagono che vede ridotto dell'8% fino a settembre, in un'incertezza che "mette a rischio la nostra capacita' di condurre efficacemente tutte le nostre missioni", come ha osservato il nuovo capo del Pentagono Chuck Hagel.

Tags:
obamatagliusa
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Ford svela i prezzi della nuova generazione del Ranger

Ford svela i prezzi della nuova generazione del Ranger

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.