A- A+
Esteri
Pfizer e Moderna, a breve i vaccini per i giovanissimi, anche sotto i 12 anni

Mentre l’India sta vivendo il massimo picco di pandemia da Coronavirus gli Stati Uniti stanno realizzando una campagna di vaccinazione ad un livello senza precedenti. La Food and Drug Administration (FDA) sta persino studiando la possibilità di autorizzare  l'uso del vaccino contro il Coronavirus della farmaceutica Pfizer e BioNTech addirittura per bambini e giovani a partire dai 12 anni.

L’ok all’utilizzo sui giovanissimi americani dovrebbe arrivare per la prossima settimana.

La FDA aveva già autorizzato il vaccino Pfizer per il giovani over 16. L’agenzia prevede di approvare l'uso del vaccino della Pfizer anche per i bambini sotto i 12 anni di età entro l'autunno.

Gli Stati Uniti sono il Paese al mondo con il maggior numero di persone infette, con oltre 32 milioni di casi registrati ma anche quello con la vaccinazione più avanzata. Circa il 50% della popolazione ha già ricevuto almeno una prima dose e circa 100 milioni di persone, un terzo della popolazione, hanno completato la vaccinazione.

Il governo degli Stati Uniti ha ordinato l'acquisto di almeno 300 milioni di dosi di iBioNTech-Pfizer entro la fine di luglio per vaccinare altre 150 milioni di persone. Tuttavia, un americano su cinque, afferma che non si vaccinerà.

Il mese scorso Pfizer ha chiesto alle autorità statunitensi di autorizzare l'uso di emergenza del suo vaccino per adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni dopo aver condotto uno studio con 2.260 individui che ha mostrato un'efficacia del 100% .

Pfizer, al momento, è l'unica azienda che ha chiesto di abbassare il limite di età per i vaccinati.

Entro la metà di quest'anno, anche Moderna dovrebbe presentare i suoi risultati sui giovanissimi.

L’approvazione di Pfizer per i bambini dai 12 ai 15 anni aggiungerà milioni di persone alla popolazione vaccinata negli Stati Uniti, circa il 20% della nazione. Solo con questa fascia immunizzata il paese raggiungerà l’immunità di gregge.

La scorsa settimana, Ugur Sahin, co-fondatore di BioNTech ha annunciato che sarà necessaria una terza dose a nove mesi o al massimo un anno dopo la seconda, per rinforzare la protezione contro il Coronavirus. Secondo lo scienziato l'immunità sembra diminuire nel corso dei mesi e che sarà necessario riattivarla con una terza dose, e probabilmente con dosi successive ogni anno o anno e mezzo. Praticamente come accade per l’influenza stagionale.

Commenti
    Tags:
    pfizermodernavaccinigiovani
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.