A- A+
Esteri
Protezionista o no, una Grande America traina l’economia mondiale

Il programma del neo Presidente Donald Trump è semplicemente: “Making America Great Again” (far tornare l’America Grande), ossia il seguito del loro sogno, fatto di coraggio, lavoro e determinazione (gli americani vogliono condizioni per poter diventare milionari, non elemosine di Stato, i 500 euro di bonus una tantum per intenderci). Tale programma può trainare l’economia mondiale. E del resto la Finanza internazionale, le Borse, dopo l’incertezza delle prime ore, hanno rapidamente dato credito a Trump (con Hillary Clinton sarebbe stato il contrario, iniziale appoggio, quindi trend ordinario).

Trump prevede un taglio delle tasse a tutti i livelli e un piano di investimenti pari a mille miliardi di dollari per i prossimi dieci anni per rifare le infrastrutture (aeroporti, ospedali, scuole, strade, telecomunicazioni, tunnel). Alcuni osservatori però temono quella tendenza periodica della storia americana: il protezionismo. Il Presidente Usa può con provvedimento esecutivo porre dazi e impedire importazioni da questo o quel Paese. Il nuovo Congresso, controllato totalmente dai Repubblicani, potrebbe non ratificare il Tpt - Trans-Pacific Partnership, negoziato da Barack Obama con 12 Stati asiatici. Trump potrebbe chiedere alle multinazionali che producono in uno Stato asiatico, per esempio il Bangladesh, di tornare a farlo dove realizzano profitti. Il che sembrerebbe giusto: perché un’azienda che guadagna vendendo in Usa, dà lavoro - per due lire – ai cittadini del Bangladesh e non a quelli americani?

Che sia liberoscambista e faccia da traino all’economia mondiale in modo diretto o prevalga la linea più protezionista, una Grande America sarà da stimolo. Se avrà meno sbocchi commerciali in Usa, l’Europa sarà costretta a migliorare il proprio sistema e a sviluppare le relazioni interne o con altre Aree. Paesi come il Bangladesh troveranno una via propria (per esempio il turismo). In questo senso la globalizzazione è un ordine per certi versi deviato del liberismo: quest’ultimo per così dire prevede, quale teoria che naturalmente si declina con la democrazia, la responsabilità individuale, nella fattispecie degli Stati, nelle decisioni economiche.

Ernesto Vergani

Tags:
protezionista america
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.