A- A+
Esteri

Il presidente russo, Vladimir Putin, è tornato a difendere oggi le politiche conservatrici di Mosca contro gli "pseudo-valori" occidentali, mentre continua la polemica sui diritti degli omosessuali che rischia di offuscare il successo delle imminenti Olimpiadi invernali di Sochi. A suo dire, "non si tratta di criticare i valori occidentali, ma di difendere il nostro popolo da certi pseudo-valori che i nostri cittadini fanno fatica spesso ad accettare, da alcuni gruppi sociali aggressivi che vogliono imporre il loro punto di vista su altri Paesi".

Il riferimento piu' diretto sembra quello al movimento per i diritti degli omosessuali. La Russia si batte con forza contro il riconoscimento dei matrimoni tra omosessuali e ha varato una controversa legge che vieta la 'propaganda gay tra i minori'. Iniziativa che ha attirato contro Mosca un coro di critiche internazionali. "E' un approccio conservatore - ha ammesso, parlando durante la sua annuale conferenza stampa - ma ci aiuta a sostenere i nostri valori morali"

A Kiev non sanno cosa sia integrazione - Il sentimento anti-russo di certa parte della popolazione ucraina dipende dal fatto che la gente non sa veramente cosa comporti il processo di integrazione europea. Lo ha dichiarato il presidente Vladimir Putin, spiegando che non e' stata la Russia a "rubare il sogno europeo" a Kiev. "E' una scelta della popolazione ucraina e delle autorita' se aderire o meno a un'unione e se firmare o meno certi documenti", ha sottolineato, parlando durante la sua annuale conferenza stampa a Mosca. "Volete vivere come a Parigi? Bene, ma guardate cosa c'e' scritto sui regolamenti europei", e' stato l'invito di Putin, secondo il quale "nessuno ha letto proprio niente". "Guardate cosa vi e' scritto - ha aggiunto, rivolgendosi idealmente agli ucraini - i mercati verranno aperti, non ci saranno fondi, e le regolamentazioni tecniche e commerciali saranno europee". "Cosa significa questo? Che dovrete chiudere le industrie e l'agricoltura non si sviluppera'", ha avvertito il capo del Cremlino. "E' chiaro - ha proseguito - che questa e' la strada per diventare l'appendice agricola dell'Eurozona. Se qualcuno sceglie questo percorso, bene, e' la sua scelta. Ma noi non stiamo trascinando l'Ucraina da nessuna parte". Alla domanda se proteste simili a quelle della Piazza Indipendenza a Kiev avvenissero in Piazza Rossa, Putin ha risposto deciso: "Non prenderei nessuna soluzione politica, ma agirei nell'ambito della legge russa". 

Mai visto Snowden, ma non mi e' indifferente - Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di non aver mai incontrato Edward Snowden, ma ha ammesso che la talpa del Nsagate - a cui Mosca ad agosto ha concesso status di rifugiato temporaneo - suscita in lui interesse. "Non ho mai incontrato Snowden, perche' sono una persona impegnata - ha detto - in verita' per me e' una personalita' piuttosto interessante". Putin ha poi negato che le agenzie di intelligence russe abbiano interrogato l'ex contractor della Cia: "In termini operativi non lavoriamo e non abbiamo lavorato con lui". Il presidente ha poi assicurai che la Russia "non aiuta, ne' interferisce" nelle scelte del giovane informatico, a cui ha solo dato la possibilita' di vivere sul suo territorio. Ricercato dagli Usa per spionaggio, Snowden ha ricevuto gli elogi del capo del Cremlino : "E' grazia a lui che, in qualche modo, molto e' cambiato nelle menti di milioni di persone e dei miei colleghi", politici di livello internazionale.

Tags:
putinrussiaucraina
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.