A- A+
Esteri
Putin e lo spazio vitale russo

Senza dubbio. Ad abbattere nei cieli ucraini il Boeing malese partito da Amsterdam sono stati i miliziani filorussi. 298 vittime, di cui 16 introvabili. Mosca sostiene che volava un caccia ucraino. Kiev nega. Obama invita a consentire che le indagini abbiano libero corso. Questa vicenda riporta in primo piano la figura di Vladimir Putin. Più ci si allontana dall’improvviso dissolvimento dell’Unione Sovietica del 90/91, più ritornano alcune caratteristiche dell’ex impero sovietico. Caratteristiche che si sovrappongono a quelle storiche della “Grande Madre Russia”.

La nascita della autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk dimostra come il regime di Putin badi esclusivamente alla sua sopravvivenza. In Russia oggi c’è crisi economica. Proteste, scontento e richieste di diritti civili. E il clima di guerra è un mezzo per superare la crisi di un paese. Un collante sociale.

La volontà di sopravvivenza della Russia di Putin si basa su una sorta di soggezione, di schiavitù economica e mentale di certi popoli abituati al fatto che ci sia un potere lontano che decide e che fa tutto per te. Come un bambino senza autonomia che dipende dalla madre. Davvero incredibile che sia stato così calpestato un Paese, l’Ucraina, tanto affine alla Russia, per cultura, storia e tradizione. Per questo a tutti gli spiriti liberi europei, ai primi morti nelle piazze di Kiev, coloro cioè che invocavano l’Europa e volevano sottrarsi a Mosca, parve adeguato il titolo del Corriere della Sera: “I primi martiri dell’Europa”.

La politica di Putin si basa sullo sfruttamento delle risorse energetiche del paese. Gestite da un’oligarchia che dipende e al contempo alimenta il vertice del potere. Per questo le analisi e le risposte alla questione geopolitica ed energetica russa andrebbero inquadrate in un sistema culturale e storico complessivo. Molti elementi sfuggono agli occidentali. Basti pensare al “Lebensraum”, lo spazio vitale del popolo russo, “eletto” e autorizzato a riscattare ogni terra abitata da connazionali. L’Occidente deve aver ben chiaro che la mentalità russa è particolare.

Più che evocare la strategia hitleriana in Cecoslovacchia nel 1938, da considerare è la qualità da soldati dei russi e la loro capacità di vincere le guerre con una strategia attendista. Si pensi alle sconfitte di Napoleone (1812) e di Hitler (1941). Certo più di tutto inquieta la frase di Angela Merkel: “Putin ha perso il contatto con la realtà”. Merkel, cancelliera della Germania, una nazione che, per fare una citazione letteraria, come scrive Lev Tolstoy in “Guerra e pace”, “da che mondo è mondo non ha mai vinto una guerra”.

Ernesto Vergani

Tags:
putinspazio vitale
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.