A- A+
Esteri
Putin "scomparso". Il Cremlino: "No, era in Svizzera"

L'annullamento di tutti gli appuntamenti ufficiali aveva fatto girare la voce della morte del capo del Cremlino. Vladimir Putin in realtà sarebbe in Svizzera per la nascita del figlio avuto dall'ex ginnasta olimpica Alina Kabayeva in una clinica di Lugano. Almeno secondo quanto riportato dal tabloid svizzero Blick.

IL CREMLINO - Il presidente russo Vladimir Putin si rechera' in visita in Kazakistan verso la fine della prossima settimana. Lo ha reso noto il portavoce Dmitri Peskov, commentando per l'ennesima volta le voci che vogliono Putin malato, dopo l'annunciato posticipo del suo viaggio ad Astana, che doveva tenersi oggi.

L'ultima volta che è apparso davanti alla stampa e' stato il 5 marzo, nella visita del premier Matteo Renzi. Incongruenze del suo servizio stampa (che ha pubblicato in settimana foto di appuntamenti che il capo di Stato aveva pero' avuto diversi giorni prima) e la vaghezza dei commenti del suo portavoce, che non ha voluto dare un motivo per il rinvio del viaggio in Kazakistan hanno portato molti a parlare di morte, cancro o ritiro spirituale.

Tags:
putinscomparsosvizzeracremlinorussia
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.