A- A+
Esteri

Torna il terrorismo separatista di matrice islamica in Russia, vicino al confine con il Caucaso. Una donna kamikaze si e' fatta saltare in aria uccidendo almeno 16 persone, nella stazione ferroviaria di Volgograd, l'antica Stalingrado. I feriti sono 34, nove dei quali sono in gravi condizioni. Si tratta del secondo attentato nel giro di tre giorni in Russia meridionale, il secondo attentato a Volgograd nel giro di tre mesi, e questo rafforza la paura di attacchi da parte di estremisti islamici nei giorni in cui la Russia ospitera' a Sochi le Olimpiadi Invernali.

Mancano appena sei settimane all'inizio della kermesse nel resort su Mar Nero; Volgograd, un citta' di circa un milione di abitanti, dista circa 690km da Sochi e si trova a due passi dal Caucaso settentrionale, in cui tutte le province musulmane sono piagate dalla violenta istigata dall'insurrezione islamista. L'esplosione e' avvenuta intorno alle 12:45 ora locale, nel momento di massima affluenza di viaggiatori in movimento per le vacanze di fine anno. La terrorista si e' fatto esplodere di fronte a un metal detector, appena all'interno dell'ingresso principale della stazione, ha riferito il Comitato Investigativo federale. Le immagini delle tv hanno mostrato un 'enorme colonna di fumo fuoriuscire dalle finestre inferiori dell'imponente colonnato prospiciente l'edificio.

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha ordinato di rafforzare le misure di sicurezza e garantire ogni tipo di assistenza alle decine di feriti, trasportandoli -se necessario - a Mosca. Volgograd era stata insanguinata da un altro attentato il 21 ottobre scorso, quando una donna-kamikaze collegata agli islamisti che combattono le truppe federale russe nel Caucaso del Nord, si era fatta esplodere a bordo di un autobus, uccidendo 7 persone. Le Olimpiadi invernali si apriranno il 7 febbraio e il presidente Vladimir Putin vuole farne una vetrina del suo prestigio personale. In Daghestan e Cecenia, tutte le province musulmane sono piagate dalla violenza istigata dall'insurrezione islamista che vuole imporre un emirato in tutto il Caucaso del Nord.

EGITTO - Un'esplosione vicino a un edificio sede dei servizi segreti, in Egitto, nella provincia di Sharkiya, nel Delta del Nilo, ha ferito almeno 4 persone. Lo riferiscono fonti dell'esercito. Non e' chiara l'origine della deflagrazione: alcune fonti parlano di un ordigno, altre di un'autobomba. Quattro giorni fa, il governo del Cairo ha dichiarato "gruppo terroristico" la Fratellanza Musulmana e martedi' scorso c'e' stato un attentato contro una sede della polizia a Mansoura che ha causato 16 vittime.

Tags:
russiadonnakamikazestrage
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.