A- A+
Esteri

La Corte suprema russa ha stabilito una riduzione della pena comminata all'ex oligarca Mikhail Khorodovsky, e al suo socio Platon Lebedev, da 11 anni a 10 anni e dieci mesi, accogliendo in parte le richieste presentate dai legali in appello.

La difesa dell'ex patron della major petrolifera Yukos, in detenzione dal 2003, chiedeva la scarcerazione immediata e l'annullamento di tutti i precedenti verdetti, definiti "illegali e infondati". Khodorkovsky, ora, potra' essere scarcerato ad agosto 2014, mentre Lebedev a maggio del prossimo anno. L'ex oligarca, che ha partecipato all'udienza di oggi in collegamento video, ha criticato duramente il lavoro degli inquirenti. "L'intero sistema legale russo sta crollando a pezzi", ha denunciato. L'ex uomo piu' ricco di Russia e il suo socio in affari, erano stati condannati nel 2010 - nel cosiddetto "secondo processo Yukos" - per furto di petrolio e riciclaggio a 14 anni di carcere. Contando la detenzione gia' scontata per la condanna a otto anni nel primo processo per frode fiscale e reati connessi, i due dovevano essere liberati nel 2017. Nel 2011, il tribunale della citta' di Mosca ha ridotto loro la pena di un anno e nel 2012 l'ha ulteriormente diminuita da 13 a 11 anni, ricorda l'agenzia Rapsi che si occupa di cronaca giudiziaria.

Khodorkovsky aveva osato sfidare Vladimir Putin, all'epoca ancora al suo primo mandato da presidente. Da piu' parti il secondo processo Yukos e' ritenuto montato appositamente per evitare la scarcerazione anticipata del carismatico oligarca e una sua possibile entrata in politica.

Tags:
russiacorte supremakhodorkovsky
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.