A- A+
Esteri
Siria choc: un bimbo mostra la testa mozzata di un soldato. Foto

La Siria sprofonda nell'orrore. Un jihadista australiano ha postato su Twitter la foto del figlio di sette anni che mostra la testa mozzata di un soldato nella città siriana di Raqqa. L'immagine è stata pubblicata dal quotidiano "The Australian": si vede un ragazzino dall'aspetto occidentale, con un cappellino da baseball, una maglietta blu e un orologio al polso, che regge con le due mani la testa sullo sfondo in una cancellata. "Questo è mio figlio", ha twittato Khaled Sharrouf, nei confronti del quale la polizia federale australiana ha emesso il mese scorso un mandato d'arresto.
 
L'uomo, residente a Sydney, è sospettato di essere partito l'anno per la Siria per andare a combattere con lo Stato Islamico dell'Iraq e il Levante (Isil). Era stato arrestato per terrorismo nel 2009 e da allora era sotto sorveglianza. L'uomo è però riuscito a fuggire all'estero usando il passaporto del fratello. La vicenda sta suscitando molte polemiche.

Tags:
siriachocbimbofototesta
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.