A- A+
Esteri

Padre Hanna Jallouf, il parroco francescano rapito la notte del 5 ottobre in Siria dal Fronte al-Nusra, legato a Al-Qaida, insieme a una ventina di persone di religione cristiana a Knayeh, in Siria, è stato rilasciato stamane ed è stato riportato nel villaggio. Lo comunicano i francescani della Custodia di Terra Santa che aggiungono: «È agli arresti domiciliari al convento di Knayeh». A quanto fanno sapere i francescani, Jallouf non può lasciare il villaggio ma è libero di muoversi al suo interno.

Fonti locali contattate da Aki - Adnkronos International avevano spiegato che «I combattenti di al-Nusra hanno fatto un blitz nella chiesa di San Giuseppe nel villaggio di Qunayeh e hanno rapito il parroco e 20 fedeli». Le stesse fonti hanno denunciato «un atto vergognoso» da parte del Fronte al-Nusra, che «scredita l’Esercito libero siriano e la Coalizione nazionale siriana soprattutto perché i cristiani nelle zone siriane sotto il controllo dell’opposizione non hanno gruppi armati che li difendano, ma solo l’Esercito libero.

Tags:
siria
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.