A- A+
Esteri

Centrotrentamila persone sono dovute fuggire dal distretto di Al Safira, nella provincia di Aleppo, che dall'8 ottobre si trova sotto pesanti attacchi. Ne dà notizia oggi Medici senza frontiere (Msf), secondo cui l'assistenza umanitaria non è sufficiente a soddisfare la massiccia e crescente domanda di aiuto degli sfollati.

Secondo l'organizzazione medico-umanitaria combattimenti, bombardamenti e attacchi aerei hanno causato la morte di 76 persone nella città di Al Safira. Nell'intero distretto, 450 persone ferite sono state ricoverate, nel giro di cinque giorni, strutture sanitarie supportate da Msf. L'ospedale di Msf nella regione ha a sua volta curato 34 pazienti feriti.

"Questi attacchi estremamente violenti hanno costretto le persone, già fuggite in precedenza, a un nuovo esodo", dichiara Marie-Noëlle Rodrigue, direttore delle operazioni di Msf. Più di 130.000 persone, quasi tutti civili provenienti dalla città di Al Safira o dai campi circostanti, dove Msf ha fornito assistenza, sono fuggiti a nord. "Arrivano in aree che sono già piene di sfollati e dove poche organizzazioni umanitarie si trovano ad affrontare bisogni enormi".

Nella città di Manbij, i volontari della Mezzaluna Rossa hanno già registrato quasi 200.000 sfollati prima di questo nuovo afflusso di persone. La capacità di accoglienza ha raggiunto il suo limite. Le famiglie sono stipate in edifici pubblici e aziende agricole della zona. All'interno di edifici in costruzione senza porte o finestre hanno trovato rifugio fino a 10 famiglie in un solo appartamento. Altre famiglie sono state sistemate in un campo frettolosamente costruito in un ex parcheggio, con una sola latrina. Tutti coloro che sono fuggiti senza nulla ora si trovano ora in uno stato di indigenza e devono affrontare un secondo inverno di guerra.

Oltre ad essere le vittime dirette dei bombardamenti, i civili hanno un accesso molto limitato alle cure mediche dato che le strutture sanitarie a est della città di Aleppo sono prese di mira. Il 21 ottobre, un barile di tritolo è stato sganciato da un elicottero su un ospedale da campo nella città di Blat, rendendolo inutilizzabile. Il 10 settembre, anche l'ospedale da campo di Bab El è stato bombardato. L'attacco ha causato 11 morti e 5 feriti.
 

Tags:
siriaprofughi
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.