A- A+
Esteri
Siria, Putin comprenda le ragioni di Trump e i due si accordino


Che cosa ha da guadagnare il presidente USA Donald Trump - il cui obiettivo primario è "Make America great again" cioè arricchire gli americani e portare lavoro in patria - dal lancio di 59 missili contro la base siriana di Shayrat da dove secondo l'intelligence sarebbero partiti i raid aerei che hanno sganciato sulla città di Idlib bombe chimiche uccidendo 80 persone di cui 28 bambini?
Niente. A meno che abbia ragione Mosca quando dice: "E' come l'invasione dell'Iraq…". Difficile che sia così. Certo Trump non scommette sull'industria delle armi per portare lavoro in USA… non ha ancora affrontato il tema della geopolitica del petrolio (prima o poi lo farà)… come ha puntato sugli oleodotti e la riapertura di centrali a carbone per l'approvigionamento energetico e pur di portare lavoro in USA.
Chissà che la spiegazione non sia la più semplice. C'è un limite a tutto. Non c'è norma senza sanzione. Chissà che le cause non siano davvero l'uso di armi chimiche e la sofferenza dei bambini (e prima o poi Trump interverrà anche sul tema della pedofilia… il male contro i bambini, la cosa più vile…).  "Martedì - ha dichiarato Trump -  il dittatore della Siria, Bashar al-Assad, ha lanciato un terribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti, uccidendo uomini, donne e bambini. Per molti di loro è stata una morte lenta e dolorosa. Anche bambini piccoli e bellissimi sono stati crudelmente uccisi in questo barbaro attacco. Nessun bambino dovrebbe mai soffrire tale orrore".
Non a caso gli USA sostengono che è stata una decisione straordinaria, unica, una tantum... Trump è un ex imprenditore - che conosce bene i fondamentali della democrazia…  definisce  Assad "dittatore" e non "presidente"...  fa  appello a tutte le nazioni "civilizzate" per sconfiggere il terrorismo… sa che quella occidentale, la democrazia occidentale, è la Civiltà con la c maiuscola vista la libertà che consente a uomini e donne -. Come un imprenditore ogni mattina ha un problema. A volte la risoluzione è indifferibile. Trump ha ritenuto la risposta all'utilizzo delle armi chimiche tale. Quale pragmatico ha limiti nella concertazione - così si spiega l'incertezza degli alleati, a partire dall' UE, nelle loro dichiarazioni -, è più bravo nella negoziazione bilaterale. Si considerino i sorrisi   col presidente cinese Xi Jinping ospitato in Florida nel giorno del lancio dei missili ("Avremo relazioni - ha chiosato Trump - molto molto buone"). Certo la guerra è la guerra… la soluzione non può che essere un pragmatico accordo tra Trump e Vladimir Putin.
 

Tags:
putin trump siria
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.