Il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha approvato una risoluzione  che apre le porte alla 16sima operazione per il mantenimento della Pace, questa volta in Centrafrica. L'adozione della risoluzione ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite,  autorizza l'uso della forza,  e impone la Missione con supporto internazionale nella Repubblica Centrafricana .  

L'ANNUNCIO DI PARIGI - La Francia interverra' militarmente "immediatamente" nella Repubblica Centrafricana. Lo ha annunciato in una dichiarazione televisiva il presidente Francois Hollande confermando che i 650 uomini impiegati nel Paese "saranno raddoppiati tra qualche giorno per non dire tra qualche ora". La Francia, ha detto Hollande, "ha un dovere i assistenza e di solidarieta' nei confronti un paese amico, uno dei paesi piu' poveri del mondo, paese che chiede aiuto". "Alla Francia si chiede di evitare una catastrofe umanitaria - ha aggiunto il capo dell'Eliseo - e la Francia sara' la'". Poco prima il Consiglio di sicurezza dell'Onu aveva dato luce verde all'azione militare francese nella Repubblica Centrafricana.

Da settembre, il conflitto nella Repubblica Centrafricana ha preso una svolta religiosa - musulmani contro i cristiani - che rischia di trasformarsi in un bagno di sangue. Mentre la Francia ha schierato rinforzi nella regione e ha chiesto un vertice africano il 6 e 7 dicembre, al Palazzo dell'Eliseo, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe adottare, il 5 dicembre, una risoluzione che autorizza l'uso della forza per proteggere i civili locali.

Dopo la Costa d'Avorio, Libia e Mali, la Francia interviene  nuovamente in Africa. C'è una giustificazione? Non si tratterà di un ritorno in una nuova forma del colonialismo francese? Queste sono alcune domande che l'opinione pubblica francese si sta ponendo in questo momento

Intanto nella Repubblica Centrafricana è emergenza umanitaria. Emergency denuncia: "Stamattina al Complexe pédiatrique di Bangui, dove lavora il team di Emergency, sono arrivati 10 bambini", spiega l'ong in un comunicato sul suo sito. "Avevano ferite ovunque". Secondo Emergency, si tratta di bambini dell'etnia Peuls, nomadi musulmani che vivono a una novantina di chilometri da Bangui. "Ci hanno raccontato che prima sono stati chiusi in una casa e poi che sono stati portati all'aperto, messi in fila e presi a colpi di macete", spiega il comunicato. "Qualcuno ha ferite da armi da fuoco. Li abbiamo operati d'urgenza: 10 bambini, età da uno a 10 anni. Un massacro. Adesso sono in corsia, con loro c'è solo il nostro personale: i loro genitori sono feriti o sono morti durante l'attacco".

2013-12-05T13:56:48.513+01:002013-12-05T13:56:00+01:00truetrue1546116falsefalse353Esteri/esteri4131029115462013-12-05T13:56:48.59+01:0015462013-12-06T12:43:45.78+01:000/esteri/soldati-francesi-in-centrafrica051213false2013-12-05T20:03:13.103+01:00310291it-IT102013-12-05T13:56:00"] }
A- A+
Esteri
afghanistan
 

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha approvato una risoluzione  che apre le porte alla 16sima operazione per il mantenimento della Pace, questa volta in Centrafrica. L'adozione della risoluzione ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite,  autorizza l'uso della forza,  e impone la Missione con supporto internazionale nella Repubblica Centrafricana .  

L'ANNUNCIO DI PARIGI - La Francia interverra' militarmente "immediatamente" nella Repubblica Centrafricana. Lo ha annunciato in una dichiarazione televisiva il presidente Francois Hollande confermando che i 650 uomini impiegati nel Paese "saranno raddoppiati tra qualche giorno per non dire tra qualche ora". La Francia, ha detto Hollande, "ha un dovere i assistenza e di solidarieta' nei confronti un paese amico, uno dei paesi piu' poveri del mondo, paese che chiede aiuto". "Alla Francia si chiede di evitare una catastrofe umanitaria - ha aggiunto il capo dell'Eliseo - e la Francia sara' la'". Poco prima il Consiglio di sicurezza dell'Onu aveva dato luce verde all'azione militare francese nella Repubblica Centrafricana.

Da settembre, il conflitto nella Repubblica Centrafricana ha preso una svolta religiosa - musulmani contro i cristiani - che rischia di trasformarsi in un bagno di sangue. Mentre la Francia ha schierato rinforzi nella regione e ha chiesto un vertice africano il 6 e 7 dicembre, al Palazzo dell'Eliseo, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe adottare, il 5 dicembre, una risoluzione che autorizza l'uso della forza per proteggere i civili locali.

Dopo la Costa d'Avorio, Libia e Mali, la Francia interviene  nuovamente in Africa. C'è una giustificazione? Non si tratterà di un ritorno in una nuova forma del colonialismo francese? Queste sono alcune domande che l'opinione pubblica francese si sta ponendo in questo momento

Intanto nella Repubblica Centrafricana è emergenza umanitaria. Emergency denuncia: "Stamattina al Complexe pédiatrique di Bangui, dove lavora il team di Emergency, sono arrivati 10 bambini", spiega l'ong in un comunicato sul suo sito. "Avevano ferite ovunque". Secondo Emergency, si tratta di bambini dell'etnia Peuls, nomadi musulmani che vivono a una novantina di chilometri da Bangui. "Ci hanno raccontato che prima sono stati chiusi in una casa e poi che sono stati portati all'aperto, messi in fila e presi a colpi di macete", spiega il comunicato. "Qualcuno ha ferite da armi da fuoco. Li abbiamo operati d'urgenza: 10 bambini, età da uno a 10 anni. Un massacro. Adesso sono in corsia, con loro c'è solo il nostro personale: i loro genitori sono feriti o sono morti durante l'attacco".

Tags:
centrafricasoldati francesifrancia
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.