A- A+
Esteri

'Madiba' riposa 'dentro' il suo Sudafrica. Tolta dal feretro la bandiera del paese per il cui futuro si e' battuto e fatto imprigionare per 27 anni, Nelson Mandela e' arrivato al termine del suo viaggio ed e' stato sepolto come un uomo comune nella terra di Qunu, il suo villaggio natale, con una cerimonia costruita secondo il rito Xhosa, l'etnia alla quale apparteneva: colui che e' spirato lontano da casa potra', attraverso questi rituali, ricongiungersi ai propri avi, che a loro volta metteranno una buona parola con il creatore affinche' quest'ultimo protegga la famiglia ancora vivente.Alla sepoltura ha assistito qualche centinaio di invitati, tra i quali il principe Carlo, il reverendo Jesse Jackson e Opra Winfrey. Circa 4.500 avevano invece partecipato alla cerimonia pubblica di qualche ora prima. "Dobbiamo prendere nelle nostre mani la sua eredita'", ha detto Jacob Zuma, puntando a sfruttare il momento d'immagine del lungo addio a 'Madiba' per recuperare il gradimento perduto tra la popolazione.

"Il tuo viaggio finisce - ha aggiunto Zuma - il nostro deve proseguire in modo scrupoloso. Una cosa possiamo assicurarti, Tata (padre ndr.), nel momento in cui fai il tuo passo finale: il Sudafrica continuera' a crescere". Il presidente sudafricano aveva cercato in questa settimana di fare dei memorial per Mandela un'operazione di marketing politico, parzialmente fallita martedi' scorso, appena all'inizio del lungo addio al leader, quando una salva di fischi lo ha accolto nello stadio di Johannesburg e salutato con entusiasmo, invece, Barack Obama. Il governo sudafricano traballa, scosso da scandali che hanno travolto personalmente Zuma e poche ore prima del funerale era venuto fuori un sondaggio secondo cui il 51% dell'African National Congress ne gradirebbe le dimissioni. Nel resto del Sudafrica la cerimonia e' stata seguita attraverso la radio o la tv. "Qunu e' lontana, cosi' mi sono trivato con altri per partecipare da qui. Lui e' un eroe, un uomo del popolo"", ha spiegato il 29enne Message Sibanda, assorto di fronte allo schermo inn un'abitazione nel quartiere Sandton di Johannesburg.

Come migliaia di sudafricani, Message ha accompagnato virtualmente il feretro, avvolto nella bandiera del Sudafrica, mentre questo era portato fisicamente in processione da ufficiali in alta uniforme bianca e nera in direzione di una piccola collina dove sorge la casa in cui Mandela trascorse la propria infanzia, prima di diventare il "padre" del Sudafrica libero dall'apartheid. Il saluto definitivo e' arrivato sotto lo sguardo della moglie Graca Machel, dell'ex moglie Winnie, i altri parenti e di 450 invitati. Posato il feretro sulla tomba, sono cominciate le salve di cannone e una formazione di elicotteri si e' levata in volo facendo sventolar gigantesche bandiere del Sudafrica.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sudafricamandelaqunu
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Peugeot: la filosofia della guida elettrica

Peugeot: la filosofia della guida elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.