A- A+
Esteri

 

 

bangkok 500

Due turisti italiani in vacanza in Thailandia hanno passato due giorni da incubo.

I due uomini, Danilo De Vito, 51 anni, e Antonio Di Muno, 62, sono stati infatti sequestrati da poliziotti locali che li avrebbero rapiti a scopo di estorsione. A seguito del pagamento di un grosso riscatto i due turisti sono stati liberati. Le autorità thailandesi hanno arrestato i presunti rapitori e sono alla ricerca di altri due poliziotti, sospettati di complicità nel sequestro.

LA VICENDA - I funzionari, riferisce il quotidiano "Bangkok Post", sono stati arrestati venerdì a Bangkok, dopo una segnalazione dell'Interpol, e gli italiani sono stati liberati. Lunedì, ha precisato Suebsak Pansuri, comandante della polizia, De Vito e Di Muno sarebbero stati arrestati da quattro poliziotti alcune ore dopo il loro arrivo nel Paese, dove erano andati in vacanza, mentre stavano prelevando dei contanti ad un bancomat. I poliziotti hanno chiesto ai due turisti, accusati di utilizzare un bancomat falso, di pagare 2 milioni di baht (quasi 47mila euro) per fare cadere le accuse. Dopo essere riusciti a dimezzare l'importo richiesto, De Vito e Di Muno hanno avvisato le loro famiglie in Italia, cui hanno chiesto i soldi. I parenti avrebbero quindi allertato la polizia italiana che ha poi avvertito l'Interpol. Martedì, la polizia ha trovato i due italiani incolumi in un motel di Bangkok, dopo che avevano già trasferito i soldi in Thailandia. La polizia ha anche arrestato un cittadino dell'Uzbekistan che avrebbe fatto da interprete agli agenti di polizia.

Tags:
thailandiarapimento italiani
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.