A- A+
Esteri
Tigray, dopo la tregua la sfilata dei "soldati" catturati. La fiction del Tplf
Mekellé, immagine post prodotta, non è la sfilata dopo il cessate il fuoco.

In particolare un’immagine conquista le prime pagine cartacee e sul web. In essa si vede un serpentone di soldati. La didascalia e l’articolo spiegano che sono soldati dell’esercito federale catturati dal Tplf e fatti sfilare per le strade della capitale prima di essere imprigionati.

Ma è così? Controllando e ricercando la fonte, esce una storia diversa ma non meno interessante.

Partiamo dalla data. Il contesto della cittadina ripresa nella fotografia e la scenografia non sono di fine giugno ma del 9 febbraio 1998. Cioè la foto è di 23 anni fa.

E neppure l’immagine dei soldati, evidentemente incollata per comporre il quadro, è del 29 giugno, ma del 24 febbraio 2021. Una data interessante perché il giorno successivo il governo di Addis Abeba avrebbe divulgato, con un comunicato stampa, l’apertura del Tigray ai media internazionali, “per riferire in modo accurato, veritiero e professionale” la guerra in corso. Sette le agenzie di media internazionali cui è dato accredito, AFP, Al Jazeera, New York Times, France 24, Reuters, BBC, Financial Times. E tra loro l’autore della foto, che in realtà non è uno scatto ma un accurato lavoro di post produzione. 

Completando l’analisi va detto che anche le persone che osservano il passaggio dei soldati dall’alto e sui bordi della strada non erano lì nel 1998. Sono comparse post prodotte prima della pubblicazione attuale. Senza entrare troppo nel dettaglio tecnico, va aggiunto che nell’immagine, così come la vediamo, colori e pixel non sono uniformi. Un dato importante che conferma l’ipotesi di ritocco e assemblaggio di immagini differenti.

Per ricapitolare alla foto di Mekellé del 1998 sono stati aggiunti soldati federali che indossano uniformi dell’esercito in dotazione da gennaio 2019. Infatti la loro immagine è del 2021, di aprile però non di fine giugno. Quindi non sfilano come prigionieri dopo un cessate il fuoco che ancora non c’era. Il distretto della scenografia, kebele 17, periferia sud est della città esiste realmente ma ambientazione e protagonisti non vanno a braccetto. Ognuno ha una propria data e un proprio scatto. Il collage, composto per l’orgoglio della vittoria, è un’opera di fantasia, piaciuta molto alla stampa occidentale, oltre che al Tplf.   

In conclusione fonti locali che, per ovvi  motivi, chiedono l’anonimato, interrogate sullo scatto, dicono che era noto che quelli nell’immagine non fossero soldati federali fatti prigionieri dopo il cessate il fuoco. A testimonianza di ciò mostrano due persone in prima fila nella foto stessa.

Tigray, Mekellè foto 2Dettaglio della sfilata, i due giovani nelle prime file, non sono soldati dell’esercito federale ma figuranti
 

Una ragazza che non sarebbe una soldatessa ma una combattente Tplf e il ragazzo con l’asciugamano rosa sulle spalle, che invece sarebbe un medico, come altre immagini dimostrerebbero. Hanno anche aggiunto di sapere che il Tplf  è solito arruolare giovani “comparse” per produrre foto come questa. Una specie di cinecittà con attori ingaggiati per raccontare storie e comporre fotogallery, a beneficio di un’opinione pubblica internazionale,  da mantenere, possibilmente, disinformata.

Continua a leggere...

Commenti
    Tags:
    tigrayetiopia
    in evidenza
    Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

    Neymar superato da Leo

    Messi il Re Mida del calcio
    110 milioni per tre anni al PSG

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

    SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.