A- A+
Esteri
Trump ritorna anche su Facebook e youTube: "I'm back". Caccia alla Casa Bianca
Donald Trump, l'ex presidente che ha spaccato l'opinione pubblica statunitense

"I'm back", Trump torna su Facebook e Youtube

L’ex presidente Donald Trump ha postato il suo primo messaggio su Facebook, a più di due anni dall’ultima volta. “Sono tornato”, ha scritto. E il post è accompagnato da un breve video ripreso da una campagna precedente, in cui il tycoon dice ai suoi fans: “Scusatemi se vi ho fatto aspettare, ma era un affare complicato. Complicato”. Dietro appare Mike Pence, il suo vicepresidente, con il quale ormai è finita dopo il “tradimento” del 6 gennaio 2021 quando il vice non fermò la proclamazione di Joe Biden A nuovo presidente degli Stati Uniti. Ma il messaggio è chiaro: Trump è tornato su Facebook, è tornato a parlare ai suoi più di 34 milioni di follower che sono impazziti di gioia e hanno inondato l’account di commenti entusiasti. Più di trentamila like in meno di un’ora. Sempre oggi, YouTube ha annunciato il ritorno dell'account ufficiale dell'ex presidente.   

L’ultimo messaggio che Trump aveva scritto su Facebook risaliva al 6 gennaio 2021, quando i suoi sostenitori avevano invaso gli edifici del Congresso, in un tentativo estremo di bloccare la certificazione della vittoria di Biden. Il giorno dopo l’insurrezione Meta, “genitore” di Facebook e Instagram, aveva bloccato l’account, accusando Trump di aver violato le regole, inviando messaggi di contenuto violento.

Altre piattaforme avevano seguito l’esempio, da Twitter a YouTube. Il tycoon era stato oscurato a livello digitale. Ma adesso la situazione sta rapidamente cambiando. Proprio la piattaforma video ha annunciato oggi il reintegro dell’account ufficiale dell’ex presidente. Per giustificare la decisione, il gigante tech americano ha spiegato di averlo fatto per “garantire agli elettori” pari accesso ai contenuti dei “candidati nazionali maggiori”. E Trump è ufficialmente candidato alle presidenziali del 2024.   

I vecchi video non sono più in rete, ma la campagna del tycoon potrà adesso tornare a comprare spazi pubblicitari su YouTube e a far sentire la sua voce. Il ritorno su Facebook darà al miliardario newyorkese un altro potente megafono per mettersi in connessione con la sua base, e rappresentare una fonte per la raccolta di donazioni alla sua campagna. Considerate le possibili e imminenti incriminazioni a New York, dove è accusato di aver pagato in nero una porno star, Stormy Daniels, che minacciava di rivelare di aver fatto sesso con lui, e in Georgia, dove si indaga sul tentativo di sovvertire il risultato elettorale del 2020, Trump userà Facebook per difendersi e contrattaccare alla sua maniera. In quell’”I’m back” c’è anche un messaggio per la campagna che l’America vivrà nei prossimi mesi. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
facebooktrump





in evidenza
La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

Nostalgia Masolin

La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport


in vetrina
Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti


motori
Lamborghini la rivoluzione sostenibile: un futuro di Innovazione e tecnologie

Lamborghini la rivoluzione sostenibile: un futuro di Innovazione e tecnologie

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.