A- A+
Esteri
Ucraina, i tatari di Crimea dicono no all'annessione alla Russia

La signora Babachoura Mamoutova e tutti i tatari di Crimea hanno paura. Il Parlamento ha decretato l'annessione alla Russia e ora manca solo il risultato quasi scontato del referendum popolare. La minoranza etnica di religione musulmana che rappresenta il 12 per cento della popolazione della penisola che fino a ieri era Ucraina ha conosciuto l'esilio e le discriminazioni nel periodo delle purghe staliniane. Sotto l'Unione Sovietica,alla fine della seconda guerra mondiale, i tatari furono deportati in Uzbekistan. Solo nel 1989 sono potuti tornare a casa, vicino a Simferopol.

Un esilio forzato che Mamoutova non scorderà mai."Ci hanno gettato in un treno per un viaggio di 18 giorni - ha ricordato la donna che oggi ha 82 anni - molti sono stati gettati dal treno. Avevamo fame e faceva molto freddo"Babachoura e tutti i tatari boicotteranno il referendum sull'annessione della Crimea alla Russia. Temono di essere ancora una volta discriminati. "Saremo perseguitati perché siamo musulmani - spiega Abul Gafar - I politici radicali russi sognano un Paese russo al 100 per cento senza rappresentanza delle altre nazionalità". Qualunque sia il risultato del referendum, di una cosa i tatari sono certi: questa volta, per nessun motivo al mondo, si muoveranno dalla Crimea.

 

Tags:
ucrainacrimeareferendum
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
DS Automobiles svela la nuova DS3

DS Automobiles svela la nuova DS3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.