A- A+
Esteri
Ucraina, sindaco di Leopoli ad Affari: L'Europa è salva grazie ai nostri morti
Sindaco Leopoli

Ucraina, un anno di guerra: guarda la l'intervista di affaritaliani.it al sindaco di Leopoli. VIDEO

Ad un anno dall’invasione da parte della Russia, in Ucraina c’è anche un’altra capitale. Una capitale culturale, ora diventata il più grande hub logistico e umanitario nel mondo. Parliamo di Leopoli, Lviv in ucraino, una delle città più grandi a ovest del Paese, a 60 km dal confine polacco. Anche qui i segni della guerra sono presenti ovunque, in un generale senso di straniamento tra sirene anti-raid, folle di rifugiati, camion con aiuti militari e sanitari diretti a est che si fermano in pieno centro per scaricare e caricare. 

Leopoli è diventata famosa per i suoi ospedali e per il complesso di riabilitazione in via di costruzione. A presidiare la città il sindaco Andriy Ivanovych Sadovyi, che sta affrontando la crisi più grave da quando è sindaco, come ha raccontato ad affaritaliani.it.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT AL SINDACO DI LEOPOLI, LA CITTA' STRATEGICA PER LA LOGISTICA UCRAINA

 

 

“Tutti capivano che la Russia avrebbe potuto farlo: l'attacco russo del 24 febbraio sarà stata una sorpresa per voi europei ma non per me. Mesi prima avevo istruito il mio assessorato all'Energia di trovare un modo per far funzionare gli acquedotti in caso di blackout totale, senza elettricità Il piano per accogliere i rifugiati ce l'avevamo pronto da tre mesi”.  

Un anno dopo, il sindaco è fermo nel ribadire che “non possiamo parlare di alcuna celebrazione, perché la guerra continua. Migliaia di cittadini di Leopoli oggi sono vicini. Ci sono tanti feriti, e a Leopoli abbiamo dato vita a “Unbroken”, il progetto per la riabilitazione dei feriti della guerra in Ucraina. Spero che in collaborazione con il Governo italiano questo sistema si sviluppi sempre di più in futuro. I nostri soldati, che hanno dato la vita per la nostra indipendenza, sono il nostro 'Raggio della Memoria'. Grazie ai nostri morti noi oggi siamo vivi, e grazie a loro sono vivi anche i Paesi europei”.
 
Non parla di pace, non parla di punti di incontro, il sindaco di Leopoli; ma guarda al fronte, di una guerra che non può avere altro esito al di fuori della vittoria: “Oggi i primi 4 Leopard sono arrivati in Ucraina; se avremo avere altre armi e altri Leopard ci sono buone possibilità di vincere la guerra, con meno feriti e meno morti. Ogni giorno è molto difficile, ma queste sono le nostre terre. È solo la Russia che deve arretrare perché noi possiamo avere una vita normale”.

Vittoria e libertà: un binomio inscindibile, che tiene uniti i paesi dell’Occidente, Italia e Ucraina: “Siamo molto vicini, italiani e ucraini. Amiamo i nostri paesi liberi; anche il nostro Paese è speciale, non possiamo darlo via. Essere un Paese libero è un’opportunità di vivere, di respirare. Solo quando la tua gola è chiusa capisci cosa vuol dire non respirare e non puoi vivere. Noi ma anche tutti gli italiani siamo persone libere e vogliamo vivere in uno Stato libero. Voi avete già attraversato questa lotta, è quella che oggi gli ucraini stanno dimostrando in Ucraina. Non può essere che qualcuno si senta bene quando qualcun altro si sente male. È per questo che dobbiamo stare tutti insieme ed essere uniti verso la vittoria

E rivela: “Ho un sogno grande: voglio imparare la lingua italiana nel futuro. Quando finirà la guerra verrò a visitare le vostre città”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
anniversarioguerraintervistaleopolisindacoucraina





in evidenza
Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

L'intervento del direttore di Affari

Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Nuovo Nissan Qashqai: il crossover si rinnova

Nuovo Nissan Qashqai: il crossover si rinnova

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.