A- A+
Esteri
Ucraina, il re del cioccolato cerca il dialogo ma Donetsk brucia

Il magnate ucraino vincitore delle elezioni presidenziali, Petro Poroshenko, ha ribadito la volonta' di avviare un dialogo con la Russia ma ha avvertito che non negoziera' con i "terroristi" filo-russi che vogliono trasformare l'est del Paese "nella Somalia".

La volonta' di proseguite nell'offensiva antiterrorismo, rendendola anzi "piu' efficiente", si e' subito tradotta in un contrattacco all'aeroporto internazionale Prokofeev di Donetsk, espugnato con un blitz notturno dalle milizie separatiste. Kiev ha risposto con il lancio di paracadutisti sullo scalo e con un bombardamento aereo in cui due elicotteri da combattimento ucraini hanno colpito il terminal principale dello scalo.

Il giorno dopo aver conquistato al primo turno la presidenza con un dato attorno al 55%, relegando a un umiliante 13% la sua piu' diretta sfidante, la pasionaria Yulia Tymoshenko, Poroshenko ha assicurato che "non ci saranno negoziati con i terroristi" perche' "il loro obiettivo e' trasformare l'est del Paese nella Somalia". Il neo presidente ha riconosciuto che la crisi separatista non si puo' risolvere senza la partecipazione della Russia, ha ricordato che conosce personalmente Vladimir Putin da tempo e si e' detto ottimista sulla possibilita' di incontrarlo entro meta' giugno. Il presidente 'in pectore' ha infine assicurato che lascera' lavorare l'attuale governo e che intende convocare elezioni politiche anticipate entro la fine dell'anno. Il suo successo e' completato dall'elezione dell'alleato ex pugile Vitaliy Klitschko a sindaco di Kiev con il 56% dei voti.

Nel frattempo la Russia ha detto che rispettera' l'esito delle presidenziali (tra l'altro l'Osce ha dato il suo 'placet' definendo le elezioni democratiche e trasparenti) e si e' detta pronta al dialogo, ma ha avvertito Kiev che commetterebbe un errore "colossale" a riprendere l'offensiva anti-terrorismo nell'est. Anche i separatisti filorussi sono pronti al dialogo ma solo con una mediazione che coinvolga direttamente Mosca.

L'Ue ha salutato con favore il successo delle elezioni ucraine sostenendo in una nota che "e' un passo importante verso l'obiettivo di abbassare le tensioni e recuperare la sicurezza di tutti gli ucraini". Come ha osservato il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, questo risultato "puo' aprire le porte del dialogo e delineare uno scenario piu' rassicurante nelle prossime settimane e nei prossimi mesi". Per ora, pero', l'est della repubblica ex sovietica continua a bruciare

Tags:
ucrainacioccolatoelezioni
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.