A- A+
Esteri
Usa ,il Gran Giurì del Kentucky decide sull’omicidio di Breonna Taylor

Un’altra decisione giudiziale ha scatenato proteste in molte città americane. Dopo mesi di indignazione, attivismo e attesa, il Gran Giurì del Kentucky ha deciso di incriminare uno solo dei tre agenti del dipartimento di polizia della metropolitana di Louisville coinvolti nella sparatoria fatale di Breonna Taylor a marzo.

Brett Hankison, licenziato a giugno, è stato accusato di tre capi di imputazione di ingiurie per aver sparato negli appartamenti vicini. Il Gran Giurì non ha annunciato accuse contro Jonathan Mattingly e Myles Cosgrove, gli altri due agenti coinvolti. Nessuno dei tre affronterà così direttamente le accuse per la morte di Taylor.

L'annuncio arriva sei mesi dopo che Taylor, un tecnico medico di emergenza di 26 anni, è stato ucciso nella sua casa durante un raid fallito per la droga.

In una conferenza stampa il procuratore generale del Kentucky Daniel Cameron ha detto che Mattingly e Cosgrove, “hanno usato la forza in maniera giustificata'

Walker ha affermato di non aver sentito gli agenti annunciarsi prima di entrare in casa. Ha detto di averli scambiati per intrusi e ha sparato un colpo di avvertimento, che ha colpito Mattingly alla gamba. Poi gli ufficiali hanno aperto il fuoco.

Secondo Cameron, "le prove mostrano che gli agenti hanno bussato e annunciato la loro presenza nell'appartamento". Ha citato le dichiarazioni degli agenti e di un altro testimone. Non ci sono filmati o riprese dalla telecamera degli agenti che eseguono il mandato di perquisizione, ha detto."Sebbene ci siano sei possibili accuse di omicidio ai sensi della legge del Kentucky, queste accuse non sono applicabili al fatto , perché la nostra indagine ha dimostrato, e il Gran Giurì si è dichiarato d'accordo, che Mattingly e Cosgrove erano giustificati nell’uso della forza", ha detto Cameron. Il Procuratore Generale ha detto che il rapporto balistico dell'FBI ha stabilito che Mattingly ha sparato sei volte e Cosgrove 16 volte e ha anche affermato che c'erano discrepanze tra le indagini condotte dalla polizia di stato del Kentucky e l'FBI su quale agente abbia sparato il colpo che ha ucciso Taylor.'Gli investigatori statali non sono stati in grado di determinare quale degli agenti ha ucciso Taylor, mentre l'FBI ha scoperto che Cosgrove ha sparato il colpo fatale', ha detto Cameron.

Cameron ha aggiunto che il suo ufficio perseguirà energicamente le accuse mosse contro Hankison. Poteva affrontare una pena massima di cinque anni per ogni imputazione.. L'FBI continuerà a indagare su potenziali violazioni della legge federale, ha aggiunto il procuratore generale.

Poco dopo che il gran giurì ha restituito la sua accusa, l'avvocato della famiglia Taylor, Ben Crump, ha espresso il suo totale disappunto per la decisione.

"Il Jefferson Grand Jury incrimina l'ex ofc. Brett Hankison con 3 accuse di Wanton Endangerment in 1st Degree per proiettili andati in altri appartamenti ma nulla per l'omicidio di Breonna Taylor. Questo è oltraggioso e offensivo", ha detto Crump in un tweet.

E la battaglia è appena cominciata anche nelle strade e città americane coinvolgendo ovviamente Trump e Biden.

 

Commenti
    Tags:
    taylorgran giuriomicidioproteste





    in evidenza
    Anna Falchi-Andrea Crippa: finita Lei ha un nuovo amore misterioso

    Relazione durata sei mesi

    Anna Falchi-Andrea Crippa: finita
    Lei ha un nuovo amore misterioso

    
    in vetrina
    Picchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate

    Picchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate


    motori
    Ferrari Trionfa alla 24 Ore di Le Mans 2024

    Ferrari Trionfa alla 24 Ore di Le Mans 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.