A- A+
Esteri
Wikileaks in Francia, la Casa Bianca: "Non stiamo spiando Hollande"

La Casa Bianca smentisce di aver spiato l'attuale inquilino dell'Eliseo, Francois Hollande. Cosi' si e' fatta viva la presidenza americana a diverse ore di dalla deflagrazione del nuovo filone dell'Nsagate, che secondo i file segreti fatti avere dalla talpa Edward Snowden a Wikileaks, ha visto gli 007 elettronici Usa intercettare per anni gli ultimi tre presidente francesi, al Secondo documenti catalogati come "Top Secret", diffusi da Wikileaks, dal 2006 al maggio 2012 il grande 'orecchio' americano ha spiato Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e l'attuale presidente Francois Hollande, all'epoca appena insediato all'Eliseo.

La Casa Bianca smentisce di spiare al momento l'attuale inquilino dell'Eliseo, Francois Hollande, e di volerlo fare in futuro ma non esclude di averlo fatto in passato come è emerso nel nuovo filone dell'Nsagate. Secondo i file segreti fatti avere dalla talpa Edward Snowden a Wikileaks, gli 007 elettronici Usa avrebbero per 6 anni gli ultimi tre presidente francesi. "Non stiamo considerando un obiettivo e non prenderemo di mira le comunicazioni del presidente Hollande", ha detto il portavaoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, Ned Price senza pero' esprimersi su quanto sia avvenuto in passato. Secondo documenti catalogati come "Top Secret", diffusi da Wikileaks, dal 2006 al maggio 2012 il grande 'orecchio' americano ha spiato Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e l'attuale presidente Francois Hollande, all'epoca appena insediato all'Eliseo.

Puntuale arriva la reazione francese alla notizia delle intercettazioni americane a danno degli ultimi tre inquilini dell'Eliseo. Il governo francese denuncia l'accaduto definendolo "inaccettabile tra alleati". "Non tollereremo azioni che mettano a rischio la sicurezza", ha aggiunto l'Eliseo. "Francia e Stati Uniti sono spesso alleati nel mondo a favore della democrazia e della liberta'. Che ci sia stata questa 'copertura' evidentemente non e' ne' accettabile ne' comprensibile", ha dichiarato all'emittente I-Tele il ministro portavoce del governo, Stephane Le Foll. Secondo documenti catalogati come "Top Secret", diffusi da Wikileaks, dal 2006 al maggio 2012 il grande 'orecchio' americano ha spiato Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e l'attuale presidente Francois Hollande, all'epoca appena insediato all'Eliseo. Hollande ha convocato per oggi all'Eliseo una riunione urgente con i principali ministri e i piu' alti responsabili dell'esercito e dei servizi segreti. 

La Francia invierà uno dei responsabili dell'intelligence nei prossimi giorni in Usa per discutere con l'amministrazione americana della scottante notizia rivelata da Wikileaks, ovvero che l'agenzia statunitense Nsagate spio' tre presidenti francesi, tra il 2006 e il 2012 almeno. "Il coordinatore dell'intelligence francese andra' negli Usa", ha reso noto il ministro portavoce del governo, Stephane Le Foll. Intanto l'ambasciatore americano e' stato convocato al Quai d'Orsay: la signora Jane Hartley sara' ricevuta dal ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, alle 18:00.

 

Tags:
wikileaksfranciacasa biancahollande
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.