A- A+
Food
Da Basilico Italia, il Bottone sorrentino, lo gnocco reinterpretato da Guarino

Reinterpretare un emblema della cucina italiana, apportando innovazioni gustose e originali? Si può fare e ci è riuscito perfettamente lo chef Vincenzo Guarino, il Re Mida dell’haute cuisine nazionale, capace di far brillare la stella Michelin ovunque vada. Ultima ma non ultima, la stella conquistata lo scorso anno, dopo soli sette mesi dall’arrivo nelle cucine de “L’Aria” di Como, presso il Mandarin Oriental.

Fatidico, a Sorrento, è stato l’incontro tra Vincenzo Guarino e Maurizio Mastellone, patron del ristorante-pizzeria “Basilico Italia” nonché creatore del “Pesto sorrentino”, realizzato con noci di Sorrento, olio extravergine di oliva Dop Penisola Sorrentina, provolone del Monaco dei Monti Lattari e basilico napoletano.

Ispirato dall’aromaticità del nuovo Pesto, Guarino (nella foto) si è cimentato nella rivisitazione del tradizionale gnocco dando vita al “Bottone sorrentino”. Ma facciamo un passo indietro di qualche secolo:  sembra che lo gnocco alla sorrentina, piatto simbolo della cucina locale, sia nato dall’ inventiva di un oste di piazza Tasso che, impastate le patate lesse con uova, farina e acqua, ne fece dei tocchetti da condire con sugo di pomodoro, sui quali adagiò pezzetti di fiordilatte, bontà casearia prodotta nella vicina Agerola, completando il piatto con tanto basilico, nella sua varietà napoletana, quella caratterizzata da foglie larghe, bollose e dal gusto leggermente mentolato. Il piatto conquistò immediatamente sorrentini e viandanti e, rapidamente, si diffuse prima sulle tavole della città e poi, da lì, in tutta Italia, fino a essere conosciuto e apprezzato nel mondo.

Ora, dalla creatività dell’executive chef Vincenzo Guarino, è nato lo gnocco del terzo millennio, il “Bottone sorrentino”, realizzato con patate lesse, farina, parmigiano e uovo. Dall’impasto si ricavano dei  piccoli dischi, che si farciscono con fiordilatte fuso e poi si chiudono. Una volta cotti a vapore, li si adagia nel piatto su una zuppa di pomodoro Cuore di bue di Sorrento e uno strato di Pesto sorrentino.

Un piatto storico rivisitato che è possibile degustare solo a Sorrento, presso “Basilico Italia”, e nelle cucine dello chef Vincenzo Guarino.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    chefristorantegnoccobasilico
    in evidenza
    Royal family, Megan rivela "Ho avuto un aborto spontaneo"

    "Basta con i tabù"

    Royal family, Megan rivela
    "Ho avuto un aborto spontaneo"

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5, entrano 10 concorrenti. Giallo Gregoraci, Oppini e...

    Grande Fratello Vip 5, entrano 10 concorrenti. Giallo Gregoraci, Oppini e...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021

    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.