A- A+
Green
La biodiversità può salvare il pianeta


Per portare avanti migliaia di progetti a difesa della biodiversità, Slow Food ha bisogno dell’aiuto di tutti. L’intento della campagna Ama la terra. Difendi il futuro è di raccogliere fondi per sostenere un’agricoltura migliore, in grado di garantire a tutti un cibo buono, pulito e giusto. Affinché questa attività possa continuare ed essere libera e indipendente come lo è stata finora, ci serve l’aiuto di tutti. Anche una donazione di pochi euro è decisiva se arriva da tante persone. Potremo, così, costruire insieme un mondo migliore.

Ma perché è così importante salvare la biodiversità? Il 24 giugno del 2012, nella Stazione di ricerca Charles Darwin situata nel Parco nazionale delle Galapagos, fu ritrovato il corpo senza vita di George, ultimo esemplare di Geochelone abingdoni o tartaruga dell'isola Pinta. Quel giorno il mondo apprese in tempo reale la notizia dell’estinzione di una specie, comunicata da numerosi giornali, siti, pagine social… La morte di George fu un caso straordinario.

Se storicamente le estinzioni sono sempre avvenute, sono due gli elementi peculiari del nostro tempo: la velocità con cui le specie si estinguono e la causa di queste estinzioni. Il biologo Edward O. Wilson, nel 1992, arrivò a determinare che le estinzioni riguardassero 27.000 varietà vegetali e specie animali all’anno, 72 al giorno. Quanto alla causa, sempre più spesso le specie soccombono per via dell’azione di un uomo che disbosca, che trasforma le foreste in pascoli, che consuma in modo indiscriminato, che inquina. O che, sempre più spesso, smette di coltivare una varietà o di allevare una razza, perché si sono rivelate poco redditizie su un mercato sempre più orientato a massimizzare le rese per ettaro e a concentrarsi sulle stesse varietà e razze.

Il tema delle estinzioni non riguarda soltanto le specie selvatiche, ma anche le piante e le razze animali selezionate dall’uomo. L’agricoltura e la produzione del cibo sono allo stesso tempo, i principali responsabili e le prime vittime della perdita di biodiversità. In soli 70 anni il sistema industriale applicato alla terra e all’allevamento animale ha cancellato un terzo delle razze animali domestiche e il 75% delle varietà vegetali selezionate dai contadini in 10.000 anni di storia dell’agricoltura. Monoculture, fertilizzanti chimici, pesticidi, allevamenti industriali sono i protagonisti di un’agricoltura che fa male all’ambiente e alla nostra salute. Per arginare questa vera e propria estinzione di massa, bisogna intervenire, con progetti concreti che sostengano l’agricoltura di piccola scala e difendano la biodiversità. Per questa ragione Slow Food realizza progetti in tutto il mondo: oltre 500 Presìdi (che coinvolgono più di 15 mila produttori), 2.500 orti in Africa, 4.000 prodotti catalogati sull'Arca del Gusto.

Sostenendo un prodotto si dà dignità al lavoro di chi lo ha realizzato e linfa vitale a intere comunità in ogni parte del mondo. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale l’aiuto di tutti. Non servono grandi donazioni, ma serve coinvolgere il più ampio numero di persone possibili. Slow Food sta lavorando per il futuro di colture, animali e produzioni tradizionali che costituiscono una parte importante della cultura di un territorio. È accaduto, ad esempio, nel caso del fagiolo bianco di Paganica, riscoperto negli ultimi anni da un gruppo di giovani aquilani che hanno vinto la loro sfida contro un'economia depressa e la devastazione causata dal terremoto. Tutto è cominciato quando Matteo, un agricoltore venticinquenne rimasto senza casa e lavoro dopo il sisma del 2009, ha iniziato a coltivare un legume che dopo gli anni del boom e dell'abbandono delle campagne era rimasto patrimonio di pochi anziani contadini. Oggi altri giovani si sono uniti nell'associazione dei produttori del fagiolo bianco, tutelato come Presidio da Slow Food. Come Matteo, sono moltissimi altri i “difensori” di un futuro più ricco, diverso, e sano. Un futuro che può essere garantito soltanto preservando la biodiversità.

Aiutaci a salvare la biodiversità. Ama la terra. Difendi il futuro. Dona ora.

Tags:
biodiversità
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.