A- A+
Green

Un'intesa piccola ma storica. Washington e Pechino hanno siglato un impegno per ridurre le emissioni di gas serra dei veicoli pesanti, dell'industria manifatturiera e delle centrali elettriche a carbone. L'accordo, non vincolante, è il primo tra i due maggiori inquinatori del mondo

Insomma, per la prima volta la questione climatica compare nell'agenda di un summit Usa-Cina. All'ordine del giorno del  Dialogo Strategico Economico fra i due paesi, i principali responsabili delle emissioni di Co2 al mondo, c'è infatti il problema delle emissioni serra.

"Vogliamo dimostrare che le due maggiori economie del mondo possono cooperare per affrontare le sfide ambientali", ha spiegato ai giornalisti un alto funzionario dell'amministrazione Usa in vista della nuova sessione del dialogo che si apre a Washington. Agli incontri di oggi e domani partecipano da parte americana il segretario di Stato John Kerry e il segretario al Tesoro Jacob Lew, mentre i cinesi schierano il vice premier Wang Yang e il consigliere di Stato Yang Jiechi.

Secondo le stime dell'Onu, la Cina produce il 23,5 % delle emissioni considerate responsabili dell'effetto serra e gli Stati Uniti il 18,3%. Tuttavia, a causa del suo status di economia emergente, la Cina era esente dai controlli imposti nell'ambito del protocollo di Kyoto, ormai prossimo alla scadenza. Ora gli Stati Uniti affermano di non volersi impegnare in altre riduzioni delle emissioni, se la Cina non farà altrettanto.

Durante il loro vertice californiano in giugno, il presidente americano Barack Obama e il collega cinese Xi Jinping hanno intanto convenuto una progressiva riduzione della produzione degli idrofluorocarburi, gas refrigeranti usati per frigoriferi e aria condizionata, particolarmente dannosi in vista dell'effetto serra.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinausaclimaco2
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.