A- A+
Green
bambini spiaggia

Italia, Paese dove i grandi reati ambientali restano impuniti e dove quelli più piccoli vengono incriminati. Troppo facile, come rubare le caramelle a un bambino. E' quello che è successo in Sardegna. Due ragazzini armati di paletta e secchiello sono stati accusati di danno ambientale.    

E a farne le spese sono stati i genitori, che si sono beccati una denuncia dal Comune di Valledoria, nel nord dell'isola. Ma cosa avranno mai potuto fare due bambini con qualche giochino da spiaggia? Secondo l'amministrazione della cittadina sarda, i baby turisti si sarebbero macchiati di una colpa imperdonabile: aver costruito un canale che collega la parte finale del fiume Coghinas al mare. Sulle dimensioni dell'"infrastruttura" non ci sono notizie certe, anche se è difficile immaginare che con paletta e secchiello sia stata distrutta una spiaggi. La sanzione è così sproporzionata che Legambiente ha messo a disposizione i propri legali a sostegno della famiglia coinvolta. L'associazione ha definito la vicenda assurda e ha rincarato la dose: durante le ricognizioni in riva la mare non c'era alcuna vigilanza. Fatto singolare in un'area così sensibile da essere messa a rischio da palette e secchielli.

Tags:
legambientesardegnaspiaggia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.