A- A+
Green
Economia circolare e carta: Giuliano Tarallo confermato presidente di Unirima

L’Assemblea dei Soci Unirima ha confermato oggi Giuliano Tarallo nel ruolo di Presidente di Unirima, L’Unione nazionale delle imprese per il recupero e riciclo maceri. Le imprese attive in questo storico comparto dell’Economia Circolare hanno quindi scelto di riconfermare l’imprenditore romano del settore carta da macero, riconoscendo gli importanti risultati raggiunti durante gli ultimi anni. L’Assemblea ha nominato anche i due Vicepresidenti di Unirima: Rita Bandini imprenditrice romagnola e Carmelo Marangi imprenditore pugliese.

Nel 2020 le adesioni ad Unirima sono cresciute del 30%, raggiungendo un fatturato complessivo annuo delle imprese associate che si attesta oltre i 2 miliardi di euro. Di fronte all’assemblea che lo ha rieletto, Tarallo ha illustrato i principali risultati raggiunti da Unirima nella promozione del settore della raccolta, recupero, riciclo e commercio della carta da macero quale traino della Green Economy italiana.

Il Presidente ha menzionato il successo delle interlocuzioni istituzionali che hanno portato le istanze delle imprese all’attenzione del decisore pubblico, contribuendo così come Unirima all’emanazione del decreto End of Waste per la carta da macero, all’introduzione all’interno del Nuovo Allegato Tecnico Anci-Comieco 2020-2025 di diversi elementi a supporto del mercato del riciclo, alle soluzione di problematiche sulle esportazioni affrontate con il Ministero degli Esteri e alle importanti modifiche a tutela del mercato apportate nell’Atto 169 di recepimento da parte del Governo del cosiddetto Pacchetto Economia Circolare che si è poi tradotto nel D.lgs 116/2020 che ha eliminato per legge l’assimilazione.

A livello europeo Unirima ha ulteriormente consolidato la sua posizione di rappresentanza con nuovi incarichi all’interno di EuRIC, la Confederazione europea delle industrie del riciclo di cui fa parte, e con la nomina di un proprio consigliere nel board dell’European Paper Recycling Council (EPRC).

“In un contesto profondamente segnato dagli effetti della crisi economica indotta dalla pandemia - ha spiegato il Presidente di Unirima, Giuliano Tarallo - è fondamentale riaffermare la centralità delle imprese che producono Materia Prima Secondaria-End of Waste per dare speranza alla svolta green che il Paese attende, le azioni portate avanti costantemente da Unirima vanno in questa direzione. Con il manifesto sottoscritto da Unirima con le altre due principali associazioni dell’Economia Circolare abbiamo voluto unire le richieste del settore per porre al centro dell’agenda il sostegno al comparto industriale del recupero di materia dai rifiuti e la gestione dei fondi per gli investimenti del Recovery Fund”, ha concluso il Presidente di Unirima, Giuliano Tarallo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    economia circolarecartagiuliano tarallopresidente unirimaunirima
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.