A- A+
Green
MILESTONEpechino

La Cina ridurrà le emissioni di carbonio e migliorerà l'efficienza energetica di almeno il 3,7% per unità di Pil entro la fine del 2013. Lo afferma in un rapporto presentato al Congresso Nazionale del Popolo apertosi ieri a Pechino la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme, la più importante agenzia per la pianificazione economica del Dragone. Lo scorso anno, le emissioni di CO2 nell'atmosfera hanno diminuito del 5% la loro intensità, secondo i dati della commissione, e l'utilizzo di energia per unità di Pil è diminuito del 3,6%, superando la quota del 3,5% fissata dalla agenzia di pianificazione economica del governo cinese.

Il governo prevede di spendere entro il 2015 una cifra di 2370 miliardi di yuan, pari a 292,4 miliardi di euro, per i tagli alle emissioni, e prevede la produzione di carburanti a ridotto contenuto di agenti inquinanti a cui stanno già lavorando i grandi gruppi petroliferi di Stato. Sempre maggiore, poi, l'apporto energetico da fonti rinnovabili, secondo il rapporto della commissione: nel 2012 l'energia eolica ha contribuito allo sviluppo delle rete elettrica con 15 gigawatt di energia, mentre il settore del fotovoltaico ha contribuito per tre gigawatt. Per il 2013, l'obbiettivo è di aumentare l'apporto proveniente dall'energia idroelettrica di 21 gigawatt, quello dall'energia eolica di 18 gigawatt, e quello proveniente dall'energia solare di 10 gigawatt. Entro il 2015, al termine del dodicesimo piano quinquennale, il consumo di energia per unita' di Pil dovra' essere ridotto del 16%, e le emissioni di CO2 dovranno diminuire del 17%. "Faremo grandi sforzi -ha sottolineato la commissione- per il risparmio energetico e di risorse e per la protezione ambientale. Continueremo a ridurre le emissioni dei maggiori agenti inquinanti".

Infine, la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme prevede di riformare i prezzi dei prodotti petrolchimici attraverso l'estensione di un meccanismo di fissaggio dei prezzi sperimentato a fine 2011 nelle province meridionali del Guangdong e del Guangxi e in attesa di una valutazione finale per essere esteso a livello nazionale. Il nuovo meccanismo di fissaggio dei prezzi dei derivati del petrolio potrebbe essere annunciato gia' al termine dei lavori del Congresso Nazionale del Popolo. L'accento sul taglio delle emissioni inquinanti e sull'efficienza energetica si è fatto più intenso negli ultimi mesi, dopo l'ondata di inquinamento atmosferico che ha fatto registrare i valori più alti di concentrazione di polveri sottili nell'aria da quando sono attive le misurazioni della presenza di agenti inquinanti nell'atmosfera.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinaemissionienergia
in evidenza
Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

Calciomercato

Barak, nuovo crack della serie A
Milan in pole. Ma la Juventus...

i più visti
in vetrina
Belen, "negrita" in bikini nero. Laura Chiatti: "Ma quanto sei bella?". Foto

Belen, "negrita" in bikini nero. Laura Chiatti: "Ma quanto sei bella?". Foto


casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.