A- A+
Green

 

 

Energia termica a basso costo e fortemente competitiva per la fornitura di acqua calda, per il riscaldamento di condomini, ospedali e serre; per tutti quei processi industriali che richiedono acqua calda in pressione. Queste solo alcune delle principali applicazioni che potrebbe ro derivare dalla industrializzazione della tecnologia Defkalion.

Un procedimento messo a punto dalla Defkalion Global Green Technology (DGGT), società canadese che si occupa da tempo di applicazioni nel settore dell’ energia che si basa su una reazione nichel- idrogeno. In un contenitore d’acciaio, di dimensioni inferiori a quelle di una banale scatola da scarpe, polvere di nichel viene a contatto con gas idrogeno alla pressione di un’atmosfera. La reazione che si genera all’interno del contenitore è fortemente esotermica e produce energia termica in misura notevolmente superiore a quella necessaria per l’attivazione della reazione stessa.

L’interesse particolare per il nostro paese deriva dal fatto che dal novembre del 2012, la DGGT con sede centrale a Vancouver, ha realizzato una joint venture con un gruppo di ricerca italiano- una S.r.l. con sede a Milano, MOSE- che avrà il compito di gestire in esclusiva in tutta Europa le applicazioni industriali di questa tecnologia innovativa. Ieri, 23 luglio, durante lo svolgimento della 18° ICCF ( International Conference Cold Fusion) che si tiene in questi giorni presso l’ Università del Missouri, Alexandros Xanthoulis, presidente della DGGT, ha dato l’annuncio ufficiale dei risultati ottenuti in una diretta streaming da Milano e da Vancouver.

Il risultato di questo progetto industriale è totalmente slegato e non ha nulla a che vedere con le svariate vicende che dal marzo 1989 vengono classificate con il termine generico di fusione fredda, e neppure con l’E-Cat e i diversi annunci di Andrea Rossi, di cui i media si sono spesso occupati. Un altro sicuro vantaggio sta nel fatto che si tratta di una tecnologia totalmente “green”, con assenza di anidride carbonica e gas serra, e del tutto priva di effetti secondari in qualche modo riconducibili a radiazioni di tipo nucleare. Il prossimo passo sarà quello di riuscire a riutilizzare l’energia in uscita, superiore di ben quattro volte a quella fornita, per riavviare il ciclo e dare autosostenibilità alla reazione.

Ludovica Manusardi Carlesi

Iscriviti alla newsletter
Tags:
idrogenonichelgreen
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.