A- A+
Green
Battuta d'arresto per la Francia nella lotta agli ogm

La questione degli organismi geneticamente modificati continua a seminare discordia. Almeno in Francia, dove il senato ha respinto il disegno di legge per vietare la coltivazione del mais ogm  presentato da un parlamentare socialista, Alain Fauconnier, con il sostegno del governo.

A sorpresa, con 171 voti contro e 169 a favore, la Camera alta ha approvato una mozione per respingere il dl presentata dal senatore UMP, Jean Bizet.  Si tratta dell'ennesima battuta d'arresto sul caso che divide non solo la Francia ma anche nell'Unione Europea.

L'Assemblea nazionale dovrebbe esaminare a sua volta il testo nel mese di aprile. Ed è probabile che la maggioranza dica sì al divieto di mais transgenico (per l'esattezza il MON 810 ,unica coltura ogm autorizzata oggi in Europa) anche se sarà troppo tardi per evitare la semina primaverile.

Va detto però che lo stop del Senato "non pregiudica l'intenzione del governo di vietare questo tipo di coltura", come ha sottolineato il ministro dell'Ecologia Philippe Martin. L'Esecutico si appresta infatti a firmare d'urgenza un provvedimento amministrativo di divieto.

La Francia ha già due volte imposto una moratoria sul MON 810, nel 2008 e nel 2012, ma entrambe le volte  il Consiglio di Stato ha annullato le ordinanze emesse dai ministri di Nicolas Sarkozy. Colpa di alcuni aspetti legali, sui quali si è basata anche la controffensiva del senatore Jean Bizet .

Per prendere una decisione contraria al diritto comunitario è necessario che la Francia dimostri che MON 810 presenta un "rischio significativo per la salute umana, degli animali o per l'ambiente". Ma la mancanza di solide basi scientifiche a sostegno di tale tesi indeboliscono la posizione degli anti-ogm, creando da mesi tensioni a Bruxelles..
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ogmfrancia
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.