A- A+
Green
Giornata Acqua, Sassi (Earth Day Italia) ad Affari: ecco cosa possiamo fare

Se qualcuno ci chiedesse di cosa è fatto il mondo cosa risponderemmo? Se ci chiedessero di cosa siamo fatti? O cosa mangiamo di più? Magari qualcuno risponderebbe pasta, altri pane o carne, magari verdura, frutta. Se ci chiedessero cosa utilizziamo di più? Che diremmo? Tutte queste domande hanno una risposta comune: acqua. L'acqua è vita ed è presente, in percentuali variabili e con modalità diverse, in tutte le manifestazioni della nostra esistenza. Gli effetti combinati dei mutamenti climatici, dell'inquinamento e gli sprechi stanno mettendo in crisi il suo ciclo naturale e l'acqua dolce diventa una risorsa sempre più scarsa e al centro di gravi tensioni sociali in tanti paesi. L'ONU, per sensibilizzare i governi e l'opinione pubblica, ha istituito nel 1993 la Giornata Mondiale dell'Acqua, il prossimo 22 marzo sarà la 25esima edizione. In Italia uno degli appuntamenti più rilevanti sarà Labirinto d'Acqua, summit internazionale con prestigiose partecipazioni, organizzato da Franco Maria Ricci al Labirinto della Masone, parco culturale a Fontanellato (PR), dal 21 al 24 marzo.

Per approfondire il tema dell'acqua ne parliamo con Pierluigi Sassi, tante esperienze lavorative nella comunicazione sia per istituzioni che per aziende, e nel volontariato con particolare attenzione verso i temi dell'economia sociale e della sostenibilità ambientale. Da 7 anni è il presidente di Earth Day Italia, estensione nazionale del network internazionale dell'Earth Day, tra le associazioni ambientaliste più influenti, molto attiva attraverso i mezzi di comunicazione e l'organizzazione di eventi. La prossimità dell'evento rende frenetica l'attività di Sassi ma la sua disponibilità, tra una riunione e l'altra, fa trovare il tempo di incontrarci. Sono in piena fase esecutiva.

worldwaterday ape
 

Dal 21 al 25 aprile abbiamo cinque giornate con quattro celebrazioni importanti, il Natale di Roma (21) l'Earth Day (22) , la Giornata Mondiale del Libro (23), la Festa della Liberazione (25), il 24 lo dedicheremo all'acqua” dice Sassi “il Villaggio della Terra 2018 a Villa Borghese è una kermesse con centinaia di eventi. Sarà articolato in 17 piazze, ognuna corrispondente ai 17 obiettivi dello sviluppo sostenibile dell'Agenda ONU 2030 e saranno animate grazie all'impegno di istituzioni, associazioni e centinaia di volontari”. Sassi parla con trasporto dell'iniziativa che cura con passione. Ci sarebbe tanto da dire ma oggi siamo qui per l'acqua. “L'acqua è la base di tutti i processi vitali, non se ne può prescindere. E' il mare dentro il quale dobbiamo decidere le nostre priorità” ci introduce così nella nostra conversazione.

Ma quando ragioniamo d'acqua di cosa stiamo parlando di un bene fondamentale, di un prodotto commerciabile? “Tutti sono d'accordo sul fatto che l'acqua è un bene comune, un diritto inalienabile, però la verità è che il mercato si sta muovendo in direzione diametralmente opposta e le fonti d'acqua oggi sono aggredite dalle multinazionali. C'è una caccia alla terra e all'acqua. Oggi siamo 7 miliardi ma nel 2100 saremo 9, è evidente che non ci sarà da sfamarsi e da dissetarsi tutti”.

Ci inoltriamo. Che percezione hanno le persone circa l'utilizzo dell'acqua? “La questione ambientale del risparmio idrico è entrata di diritto nelle coscienze dei cittadini, certo ci sono delle fasce che ancora non sono del tutto consapevoli”.

L'ambiente si trasforma col tempo e per contrastare i cambiamenti climatici ne occorre tanto, serve uno sguardo lungo. “Siamo in una dimensione generale di coscienza” puntualizza il presidente di Earth Day Italia “ma dobbiamo farla diventare consapevolezza e tradurla in nuovi stili di vita. Una convergenza di interessi, una maggiore responsabilità sociale delle aziende e soprattutto dei consumatori finali”.

Le Giornate Mondiali attirano l'attenzione e forniscono dati, sono occasioni utili? ”Cresciamo ogni anno in maniera importante” dice Sassi con slancio, il coinvolgimento personale si vede e si sente ”allarghiamo sempre di più la tipologia di pubblico. Mentre prima veniva un'elite sensibile oggi viene anche gente comune, un segnale molto importante”.

Se si potesse riassumere in una frase quello che possiamo fare? “Il ruolo del cittadino è quello ultimo e quindi quello chiave. Siamo tanti e se ogni giorno facessimo un'azione concreta sarebbe una cosa enorme” Sassi è convinto che il buon esempio possa molto “Non è vero che non contiamo niente, è che siamo disordinati nelle nostre buone condotte”. Quindi un'azione da fare per celebrare la Giornata Mondiale dell''Acqua? “Se devo dire fai qualcosa dico: prendi consapevolezza del tuo ruolo. Se ci terrai tu, ci terranno i tuoi figli, gli amici, chi ti stima, chi ti è vicino. Avrai inculcato una coscienza collettiva mossa all'azione”. Potremmo andare avanti a lungo e toccare tanti altri argomenti ma il tempo è volato via veloce e leggero, è ora di andare. Salutiamo il presidente Sassi e il suo efficiente staff. Il portone del palazzo ci fa ripiombare nel traffico del centro di Roma, di fronte c'è un giardino con una fontana.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pierluigi sassiearth day italiagiornata mondiale dell'acqua
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.